Amy Winehouse morta per consumo eccessivo di alcol

Amy Winehouse Morte Alcol

Secondo Suzanne Greenway, il coroner dell’ospedale St. Pancras che ha condotto l’inchiesta, Amy Winehouse sarebbe morta a causa di un abnorme consumo di alcol. Infatti, il giorno del suo decesso la cantante ne avrebbe ingerita una quantità che sarebbe risultata quattro volte e mezza superiore al limite richiesto per poter guidare nel Regno Unito. Nelle parole della Greenway, “la Winehouse aveva un tasso alcolico nel sangue di 416 milligrammi per ogni decilitro di sangue, e l’involontaria conseguenza di un tale livello, potenzialmente fatale, è stata la sua improvvisa ed inaspettata morte“. Il giorno della sua scomparsa, nella casa di Camden in cui viveva la musicista, furono trovate tre bottiglie di vodka, due grandi ed una piccola, completamente vuote.


Amy Winehouse – You Know I’m No Good on MUZU.

Condividi.