Badly Drawn Boy in concerto, parte da Torino il mini tour italiano

Parte da Torino il mini tour italiano di

BADLY DRAWN BOY in concerto

Mercoledì 10 Novembre 2010
Hiroshima Mon Amour, ore 22.00, ingresso 16.00 euro

Damon Gough a.k.a. Badly Drawn Boy è uno dei più importanti cantautori della scena indie internazionale e anche un collezionista di pop hits e di prestigiosi premi, nel 2000 vinse infatti il Mercury Music Prize con l’album “The Hour of the Bewilderbeast”. Il grande pubblico lo ricorda per la colonna sonora del film “About A Boy” di Nick Hornby ed il fortunato singolo che prese il nome dalla pellicola.

Ora il britannico Badly Drawn Boy torna in Italia, per un breve tour di presentazione del nuovo disco intitolato “IT’S WHAT I’M THINKING – PHOTOGRAPHING SNOWFLAKES” pubblicato da Edel Italia.

L’album è il primo capitolo di una trilogia che si chiama appunto “It’s What I’m Thinking” che l’artista descrive così: “It’s What I’m Thinking identifica un momento creativo ricco e travolgente in cui mi sento di poter creare musica dal naturale “flow” delle idee che girano nella mia testa” poi in merito al bizzarro titolo aggiunge ”una sera con un amico davanti a una birra si parlava di quale potesse essere il mestiere più difficile del mondo; per me deve essere senz’altro fotografare i fiocchi di neve… so che c’è gente che lo fa ma non riesco a immaginare come ci riescano!”.

A giudicare dalle sue parole, l’artista è in un momento d’oro: lavorare nuovamente con la sua etichetta e il suo staff originale gli permette di sfruttare la sua creatività senza obblighi e nella maniera che meglio gli consente di esprimersi. “La cosa più importante à che tutto provenga e sia gestito da me e da ciò che le mie canzoni richiedono”, è con questo spirito di totale onestà artistica che questo grande musicista si presta ad affrontare il nuovo decennio e le sue future produzioni.

L’album “IT’S WHAT I’M THINKING PART 1 – PHOTOGRAPHING SNOWFLAKES” uscirà sul mercato in un’edizione standard e in una limited edition che contiene un secondo CD intitolato “It’s What They’reThinking” in cui gli artisti emergenti di Manchester (città natale dell’artista) reinterpretano i brani dell’album.

 

Condividi.