Band emergenti: Cabrera, Shinebox

band-emergenti-cabrera-shinebox

Cabrera e Shinebox sono le uscite più recenti dell’etichetta This Is Core. Due gruppi dalla proposta differente ma ugualmente accattivanti e dotati di personalità, emergenti i primi, già più rodati i secondi. Vediamo cosa hanno combinato. (Testi di Mathias Marchioni. Foto promozionale This Is Core)

Cabrera – Nessun Rimorso

Faccio sempre fatica con gli EP. Un po’ perchè è già difficile trovare l’originalità e di conseguenza l’interesse verso una nuova band nei full length, figuriamoci in 5 pezzi. Detto questo (che è un problema mio da vecchio decrepito), i Cabrera giocano col post-rock e l’indie, urlando ogni tanto e lasciando spazio ad armonie e a dilatazioni strumentali. Un buon inizio tutto sommato, i ragazzi sono giovani e puntano sull’essenzialità (produzione migliorabile in tal senso) per offrirsi al pubblico. Cresceranno.
Tracklist
Lasciate che i cervi mangino i resti
Fantasmi nel frigorifero
La differenza tra una foca e una sirena
Iceberg
Come i nostri padri


band-emergenti-cabrera-shinebox

Shinebox – A Quiet End

Già più a loro agio in termini di visibilità pubblica (girano dal 2007), gli Shinebox propongono un lavoro in odore di hardcore/post-hardcore, venato qua e là di emo dalla forte impronta statunitense (Rise Against su tutti, anche se loro li possiamo sentire più su “Write Home” che altrove…e qua e là ho pure sentito i 36 Crazyfists dei bei tempi…). Una band che ha un’identità definita e che non si fa pregare per legnare, senza disdegnare digressioni acustiche in una malinconia presente in tutte e sei le tracce. Solida realtà.
Tracklist
Somewhere Somehow
Atlantic
Write home
Seasons
Thousand miles away
The saddest landscape


Condividi.