Carmen Serra e il nuovo tormentone dell’estate, il brano “Vuvuzela Dance”

Dopo il successo dell’album “NO SELF CONTROL” (Rosso di Sera/EMI) e del singolo “Fiaba”, la cantautrice siciliana CARMEN SERRA ritorna con un brano ispirato ai mondiali in Sud Africa “The Vuvuzela dance”, candidato a trasformarsi nel nuovo tormentone estivo.

Il brano, presentato dal gruppo senegalese Tambacounda con la partecipazione straordinaria di CARMEN SERRA, è la colonna sonora ideale per trascorrere il tempo al mare e nelle discoteche.

Con le spalle rivolte ad uno stadio, il gruppo Tambacounda e CARMEN SERRA ballano quello che potrebbe diventare l’alternativa a “Waka waka” che attraverso il ritmo contagioso vogliono far dimenticare le amarezze della vita e ricordare lo spirito gioviale del popolo africano che trasmette allegria anche grazie a quei colori protagonisti del videoclip.

Per vedere il video “THE VUVUZELA DANCE”

http://www.carmenserra.com/nuovo-video-the-vuvuzela-dance-tambacounda-feat-carmen-serra/

“NO SELF CONTROL”, il disco d’esordio della cantautrice siciliana CARMEN SERRA,  uscito il 25 maggio, è rimasto per ben quattro settimane al 2° posto della classifica di vendita degli indipendenti (Music Charts – Gfk Retail And Technology) e al 16esimo della classifica di vendita generale.

CARMEN SERRA pur non provenendo da Amici o da X Factor, pur avendo alle spalle un’etichetta indipendente e non una grande major e pur non avendo a priori l’appoggio incondizionato delle radio, ha conquistato il pubblico grazie alla “genuinità” della sua musica, un genere pop rock fresco, travolgente che, grazie alla “sincerità” dei testi, sa parlare al cuore delle persone. Successo confermato dalle proiezioni dei video dei singoli “Fiaba” e “Africa” nei maxischermi di Milano in Piazza Duomo e Roma a piazza di Siena durante i mondiali in Sud Africa.

Il singolo “Fiaba” è una canzone metafora della vita, che per questa occasione dei mondiali Carmen Serra dedica agli azzurri. La canzone “Africa” che è stata “adottata” a simbolo di un continente al centro delle attenzioni del mondo in occasione dei Mondiali.

“Africa” mette in risalto la figura e l’opera di Gino Strada e sensibilizza l’opinione pubblica sui drammi umani che si vivono quotidianamente in Africa. Il video di “Africa”  è stato realizzato su un campo di calcio con la presenza di uomini, donne e bambini, tutti provenienti dall’Africa con in comune la passione per il calcio, ma testimoni di diritti e dignità perduti.

CARMEN SERRA nasce in Sicilia, ad Augusta (Siracusa), e scopre, sin da bambina, la passione per la musica iniziando a cantare, a studiare danza, teatro e recitazione. Nel 1996 si trasferisce a Roma dove si iscrive alla Scuola Professionale del Teatro Greco per studiare danza classica e moderna e allo IALS di Roma, dedicandosi contemporaneamente allo studio del pianoforte, della chitarra e della batteria.

Per perfezionare la recitazione decide di frequentare il Centro Studi Ettore Petrolini (con Roberta Fiorentini), la Piccola Accademia dello Spettacolo (di Stefano Jurgens) e corsi singoli con Claretta Carotenuto. È attualmente iscritta all’Actor Studios di Anna D’Abbraccio.

Dal 2002 al 2003 CARMEN SERRA ha fatto parte del cast dello spettacolo di Pietro Garinei “E’ Molto Meglio In 2” commedia scritta da Jaja Fiastri ed Enrico Vaime con Gianfranco Jannuzzo, Paola Quattrini e Lorenza Mario, con le coreografie di Gino Landi.

Dal 2004 al 2005 sempre con Gino Landi e Pietro Garinei è nuovamente in scena al Teatro Sistina, per altri due anni ed in tournee in tutta Italia, con la commedia “Vacanze Romane” con Massimo Ghini e Serena Autieri.

Dopo aver aperto nel 2006 le date del tour di Gatto Panceri, nell’estate 2009 decide di trasferirsi a New York per qualche mese. Esperienza che ha dato a Carmen la possibilità di entrare in contatto con tutti i generi musicali, dal jazz all’elettronica, dal rock alla musica latino americana, dal rap al country, riuscendo a cantare in alcuni locali di Manhattan come il The Bitterend e il Red Lion. I primi mesi del 2010 li ha dedicati alla registrazione del suo disco d’esordio a cui ha lavorato per tre anni.

www.myspace.com/carmenserra

Condividi.