Domani, a Marghera, Marco Iacampo presenta il suo nuovo cd

Domani, venerdì 4 giugno, alle ore 22.00, MARCO IACAMPO presenta il suo nuovo disco “MARCO IACAMPO” (Adesiva Discografica/Edel), al POP CORN CLUB di Marghera (Via della Pila 103 – Marghera VE). Il cd, anticipato dal singolo “Miracolo Eccezionale”, è disponibile nei migliori negozi di dischi, su iTunes e in vendita sul sito www.adesivadiscografica.com.

“MARCO IACAMPO”, primo disco omonimo del cantautore veneto, rappresenta una vera e propria rinascita artistica dopo i precedenti progetti discografici (ELLE, GOODMORNINGBOY). Nel suo nuovo cd, infatti, MARCO IACAMPO decide di comunicare e di raccontarsi con la forza unica della semplicità attraverso parole e suoni straordinariamente genuini. “Miracolo Eccezionale” è il primo singolo estratto dall’album. «È una preghiera pop – afferma Iacampo – una storia, una richiesta di aiuto, una canzone per chi sbaglia, per i furfanti, i ladri, per chi inciampa e si fa male». Il cd contiene anche “Che Bella Carovana”, brano scelto per “IL PAESE È REALE”, la compilation di artisti italiani indipendenti promossa nel 2009 dagli Afterhours.

“MARCO IACAMPO” è distribuito da Edel ed è uscito per Adesiva Discografica, con la produzione artistica di Paolo Iafelice, già collaboratore di Vinicio Capossela, Fabrizio De Andrè, PFM, Daniele Silvestri e Pacifico. Nel cd hanno suonato Andrea Viti, Simone Massaron, Johannes Bickler, Airìn e Enrico Gabrielli.

Marco Iacampo nasce il 17 Gennaio 1976 a Mestre, Venezia. Fin da piccolo si appassiona alla musica e al canto. Dopo le prime esperienze con una cover band dove canta i classici rock, fonda all’età di 18 anni i LEX NIGRA, band dalla quale nasceranno gli ELLE. Il sound, meno grezzo rispetto all’irruenza dei Lex Nigra, si trasforma in un originale miscuglio di pop-rock indipendente e di ricerca musicale, con canzoni dai testi oniricamente rivelatori di cui Marco Iacampo è autore. Il progetto cresce velocemente e dopo aver vinto Ritmi Globali 1997, gli Elle vincono nel 1998 AREZZO WAVE. Entrano nell’entourage di Federico Sparano, manager della Artes (ESTRA). Cominciano una serie di numerosi concerti che li porta in tutta Italia. Gli Elle realizzano diversi demotape (“Sottolhoteleden”, “Elle”, “Caffè & Cadillacs”), accolti sempre molto bene dalla critica e dal panorama indipendente italiano. Notati da Paolo Naselli Flores, fondatore della Urtovox, firmano un contratto con la sua etichetta. Pubblicano il loro primo disco ufficiale “Bruciamo ciò che resta” (Urtovox 2001). Dopo il tour promozionale che li porta a suonare in tutta la penisola, Marco Iacampo è stanco e decide di lasciare la band. Ha bisogno di nuova linfa e così decide di raccogliere le sue canzoni in inglese e fondare un nuovo progetto da solista: GOODMORNINGBOY. Le canzoni, scritte e suonate interamente da lui, sono freschissime e lo portano a conquistare facilmente l’ambiente indipendente. I suoni sono talvolta acidi e di matrice lo-fi, ma è la componente ludica che rende il primo disco di Goodmorningboy un piccolo capolavoro di fantasia. Arriva un accordo con l’agenzia Tour de force. Il disco viene inserito nel catalogo Glitterhouse e viene distribuito anche nel resto dell’Europa. Con Goodmorningboy, Iacampo comincia una lunghissima serie di concerti tra cui festival importanti come il Tora Tora di Manuel Agnelli al quale partecipa per ben quattro edizioni. Esce anche un Ep, “Song=epitaph:outtakes”, con i brani non inseriti nel disco e due entusiasmanti e folli video dal vivo. L’ottimo riscontro ottenuto lo spinge a continuare a scrivere in inglese. Comincia la lunga e travagliata scrittura di “Hamlet Machine” (Urtovox 2004), il secondo cd a nome Goodmorningboy. Alla realizzazione di questo disco parteciperanno diversi musicisti: Alessandro “Asso” Stefana (Vinicio Capossela, Marco Parente), Giovanni Ferrario (Morgan, PJ Harvey), Andrea “Druga” Franchi (Paolo Benvegnù). Il disco è considerato da molti il suo lavoro più riuscito. Recluta tre fidati musicisti quali Lorenzo Corti (Cristina Donà, Cesare Basile, Delta V), Luca Recchia e Marcello Sorge (Cesare Basile) e comincia un altro tour in Europa (Germania, Belgio, Francia e Olanda). Dopo questo lungo tour Iacampo sente il bisogno di fermarsi e riordinare le idee. E così decide nel 2006 di interrompere i rapporti con la Urtovox e ritirarsi per un po’, chiudendo definitivamente il progetto Goodmorningboy.

Si trasferisce a Milano dove comincia lentamente a scrivere in italiano. Incontra sulla sua strada il produttore artistico Paolo Iafelice con cui comincia un lungo percorso di riadattamento alla nuova forma. Tutto è pronto nel gennaio 2010. È questo finalmente il primo disco a nome MARCO IACAMPO.

www.adesivadiscografica.com 

 

Condividi.