Domani “Orchestraevoce” di Francesco Renga a Padova

Francesco Renga
”ORCHESTRAEVOCE”
domenica 11 Aprile 2010 ore 21,00
GRAN TEATRO –  Padova

Biglietti disponibili
Apertura cassa dalle ore 18

Per Francesco Renga il 2009 è stato un anno memorabile, con un ritorno sulla scena degno di un grande artista: il nuovo lavoro, “ORCHESTRAEVOCE”, già disco di platino, è unanimemente riconosciuto come uno degli album più belli e coraggiosi degli ultimi anni. Domenica 11 aprile Renga sarà in concerto al Gran Teatro di Padova accompagnato dall’orchestra sinfonica. Sono disponibili biglietti anche presso la cassa del Gran Teatro a partire dalle ore 18.

“Orchestaevoce” è un album difficile e raffinato, in cui il musicista bresciano ha scelto di affrontare le più belle canzoni della musica italiana facendosi accompagnare dall’orchestra. Il risultato, veramente pregevole, ha messo in evidenza ancor di più le qualità di Renga, coraggioso nell’affrontare i mostri sacri della canzone italiana. La grandezza di questo lavoro si trova nel fatto che FRANCESCO RENGA non si limita a cantare con un’orchestra, ma usa la sua voce come un’orchestra. “ORCHESTRAEVOCE” finisce quindi per diventare il lavoro più personale di RENGA, “perché cantare parole altrui solo in apparenza ti alleggerisce e deresponsabilizza. – racconta FRANCESCO – in realtà, lungo il cammino scopri che quelle parole ti appartengono come segni sulla pelle, perché sono sogni, pulsioni, emozioni che ti hanno attraversato e sono rimaste dentro”. Il live è quindi un viaggio nella musica italiana, ed è anche un’occasione di assistere semplicemente ad un bellissimo e raffinato concerto, dove Renga dialoga con l’orchestra e si mette alla prova. In scaletta anche le canzoni che hanno dato la celebrità all’artista, ma sarà il confronto con la grande musica italiana il vero elemento portante di questo live.

“Rimettere la voce al centro di tutto, perché la voce è l’unica forma d’arte totale, lo strumento assoluto, l’altare che devi innalzare per arrivare al Dio della musica”. Francesco Renga ha scelto la strada più difficile, presentandosi nudo davanti alle canzoni. “La mia era forma espressiva è il canto, la mia ricerca è sempre stata sulla voce, non sulla scrittura o sulla musica. Fin dal pianto del neonato, la nostra vita è segnata da una laringe che emette dei suoni. La voce rimane il grimaldello per arrivare nel profondo. Quando canto, non faccio altro che aprire la porta a chi ascolta. Ognuno entra e prende ciò che vuole, fa sua la canzone e apre altre porte”. Con queste riletture, Francesco ha riportato alla luce canzoni bellissime che raccontano un’Italia diversa, quando la musica italiana contava davvero. “Cantare le migliori canzoni che abbia mai ascoltato è un regalo a me stesso, prima che agli altri. Vorrei aver vissuto quel periodo magico in cui Battisti scriveva per Mina e gli autori erano straordinari”.

I biglietti sono in vendita, a partire da € 23 salvo commissioni.

Per informazioni www.granteatropadova.it e infoline al 0498644888.

Condividi.