Esce il 19 novembre “Certi Ricordi”, l’album di debutto della Piccola Banda Brigante

Guarda in faccia alla tradizione cantautorale, al folk europeo e alla musica popolare italiana e non solo il disco d’esordio di Piccola banda brigante un disco in cui le coordinate musicali di riferimento si mescolano in un incendiario esempio di modernità e divertimento sonoro, che ha in sé molto dell’arte e poco dell’improvvisazione e si traduce in un approccio da buskers, da animali da palco, da suonatori da strada incontenibili

Piccola Banda Brigante
“Certi Ricordi”

loser’s company records
www.myspace.com/antoniobrigante
data di uscita; 19 novembre
distribuzione; CD Baby

Debutto della folk band romagnola trascinata dall’istrionico Antonio Brigante, “Certi Ricordi” è il manifesto sonoro del progetto Piccola banda Brigante in cui richiami alla tradizione cantautorale, al folk europeo e alla musica popolare italiana e non solo, si mescolano in un incendiario esempio di modernità e divertimento sonoro, che ha in sé molto dell’arte e poco dell’improvvisazione. “Certi Ricordi” raccoglie nove fotografie, nove momenti di vita collettiva o personale che si mescolano con spunti di riflessione ed ironia… Brigante affascina con la sua voce beffarda ed avvolgente, nel racconto sonoro di ciò che accade nel nostro paese. Tra temi scottanti e sarcasmo, la Piccola banda Brigante, con le proprie canzoni di vita reale della periferia e della provincia profonda, storie proletarie che in un certo senso danno il polso della nostra società, o almeno di quello strato di cui si parla poco alla televisione, rimanda ad una continuità con la tradizione italiana che passa da De Andrè e arriva a Capossela. L’album “Certi Ricordi” viene pubblicato nell’esclusiva versione fisica limitata contenente il libretto con testi e crediti oltre alla traccia video del singolo “7:43″ curato dal regista Daniele Quadrelli.

Condividi.