Example Il boom dei festival estivi è al termine

La recente cancellazione del Sonisphere Festival di Knebworth e di diverse altre manifestazioni (una tra tutte, l’Oxegen) ha acceso in Regno Unito e nella vicina Irlanda la polemica sui troppi festival estivi concentrati tra giugno e settembre. Ad inserirsi nella discussione anche Example, uno dei musicisti che nel 2011 ha suonato a più di 20 festival. Secondo il rapper londinese molti degli happening diffusi nel panorama brit sono destinati a sparire perché gestiti in una maniera che può essere definita amatoriale.

Di seguito un estratto di quanto dichiarato alla BBC: “Molti di questi sono promossi male, hanno un mediocre servizio di sicurezza, sono in location scomode e spesso hanno lineup non ben programmate.. tutto ciò non ha senso. Per sopravvivere, un festival deve costruirsi un concept attorno, focalizzarsi su uno specifico mercato e inserire nel bill i gruppi che gli permettano di fare sold out. Il panorama britannico presenta manifestazioni ottime, ma altre che sono definitivamente amatoriali; e tutto questo è dovuto ad un boom avvenuto alcuni anni fa. C’è stato un periodo nel quale chiunque organizzava un festival, soprattutto coloro che avevano un parente stretto che possedeva una fattoria. E’ destino che manifestazioni di questo tipo vengano cancellate“.

Condividi.