FreeBoys, pubblicato l’album di debutto “Dedicato a…”

freeboys-album-debutto-dedicato-a

Lo scorso 24 giugno 2014 è stato pubblicato il disco di debutto dei FreeBoys, intitolato “Dedicato a…” e balzato, nel giro letteralmente di ore, nella top 10 dei dischi italiani più venduti su iTunes.

Enrico Nadai, Simone Frulio e Kevan Giulia sono tre ragazzi tra i 17 e i 18 anni cresciuti circondati dalla musica e con l’amore per il canto, macinando di volta in volta successi che li hanno portati ad esibirsi davanti a platee sempre più vaste, fino ad approdare al mezzo televisivo.

È nella trasmissione “Io Canto” che difatti i tre freschi volti del teen pop nostrano si incontrano e formano il gruppo Gimme Five. L’affiatamento del trio è evidente e conclusa la parentesi io-cantiana il trio si reinventa sotto il nome di FreeBoys per partecipare al talent show X-Factor. Sotto l’ala protettiva di Simona Ventura, loro coach per la stagione, la storia dei FreeBoys prende una nuova piega, portatrice di belle soddisfazioni per la boyband: due EP e tanti chilometri percorsi in un tour, il Party Mega Tour, che nel 2013 li ha portati su molteplici palchi italiani.

I FreeBoys hanno dunque dato alle stampe il loro album di debutto, “Dedicato a…”, un disco dalle “sonorità molto nuove, se confrontate con quelle dell’EP precedente,” come spiega Enrico. L’album è stato accompagnato dal singolo “L’ultima pagina“, anch’esso un prodotto divora-classifiche: è un brano in cui il tema troneggiante è l’Amore, quello sofferto di una storia che finisce, lasciando un vuoto da colmare. “Anche noi, malgrado l’età, abbiamo subito le nostre delusioni amorose,” spiega Enrico, mentre Simone – senza remore – la innalza a una delle canzoni più belle mai fatte dalla band. E’ proprio questo, “L’ultima pagina“: un racconto in cui immedesimarsi e grazie al quale poter recuperare le emozioni racchiuse nel momento. “Mi piace la sensibilità e la spontaneità con cui è stato raccontato,” spiega Kevan, che evidenzia la bellezza degli archi e dei riff di piano presenti nel brano, ma soprattutto del basso sul ritornello, vero propulsore del pezzo.

I FreeBoys, in definitiva, cantano le emozioni della loro età e crescono con e attraverso la musica. Prodotto da Beat Sound e distribuito da Believe Digital, “Dedicato a…” – per concludere con le parole dello stesso Kevan –  “è una vera e propria bomba!


Condividi.