GruVillage 2014, il cast internazionale della rassegna

gruvillage-2014-cast-internazionale

Il GruVillage per la sua versione 2014 ha calato gli assi, con un cast internazionale di valore assoluto che va ad unirsi ad un corposo set di altri eventi estivi in programma. Arriva alla nona edizione la rassegna che ogni estate porta nell’Arena Le Gru, presso il centro commerciale di Grugliasco (Torino), una grande collezione di concerti e appuntamenti con il meglio di musica e spettacolo dal vivo.

Di seguito la presentazione dei quattro show del cast internazionale.

14 luglio – The Crimson Projekct

gruvillage-2014-cast-internazionale-3

Il 14 luglio, in collaborazione con Radar Metropolis, è atteso il super gruppo The Crimson Projekct, l’opportunità di riascoltare i King Crimson live che diventa realtà anche grazie all’approvazione del “vate” Robert Fripp. Sul palco il cantante e chitarrista Adrian Belew e il bassista Tony Levin che si sono uniti ai King Crimson nel 1981 e Pat Mastelotto, batterista nella quinta incarnazione della band a partire dal 1994. A Belew, Levin e Mastelotto si aggiungono per The Crimson ProjeKCt tre collaboratori e musicisti di prim’ordine: Markus Reuter alla touch guitar, il batterista Tobias Ralph e Julie Slick, giovane allieva della School of Rock di Paul Green, al basso. Rivive così la line-up di double trio che aveva contraddistinto l’ultima fase della carriera dei King Crimson dalla metà degli anni ’90 in avanti.

22 luglio – Dream Theater

gruvillage-2014-cast-internazionale

Ancora nel segno del prog, ma con declinazione metallica, il concerto evento dei Dream Theater, attesi il 22 luglio in collaborazione con Set Up Live: tre ore di musica per celebrare il nuovo tour intitolato An Evening with Dream Theater. Il nuovo omonimo lavoro è il dodicesimo di studio per la band di Boston e John Petrucci & co. porteranno sul palco del GruVillage un vero e proprio spettacolo di musica e immagini, un viaggio nella discografia di una della band più famose della scena prog. In questo concerto si festeggiano e commemorano i vent’anni di “Awake” e il quindicesimo anniversario di “Metropolis Part 2: Scenes from a Memory”, una digressione vertiginosa che ripercorre i quasi 30 anni di carriera attraverso animazioni e gigantografie delle copertine di tutti i dischi. John Petrucci sarà il trascinatore emotivo del concerto, insieme al guitar hero James LaBrie e all’eclettico tastierista Jordan Rudess, a Mike Mangini ingabbiato nella sua batteria e al basso di John Myung.

25 luglio – Steve Hackett

steve-hackett-foto-concerto-milano-2014
(Fotografia di Rodolfo Sassano)

Ancora nel segno della storia della musica e del prog in particolare è il felice ritorno al GruVillage di Steve Hackett, con il suo Genesis Extended Tour in programma domenica 25 luglio in collaborazione con Production di Roma. Hackett è tra i musicisti più innovativi della scena musicale internazionale, leggendario chitarrista che ha legato il suo nome all’epoca d’oro dei Genesis, nella formazione storica che ha prodotto album di successo mondiale come “Selling England by the Pound”. Con un’intensa carriera solista di interprete ad autore dalle influenze più variegate, Hackett oggi celebra la fase creativa in cui insieme con Peter Gabriel, Phil Collins, Tony Banks e Mike Rutherford, diede vita a brani entrati nella storia della musica rock del ventesimo secolo. Sarà la prima volta che uno dei membri originali porterà in tour il repertorio Genesis dell’intenso periodo dal 1971 al 1977, re-interpretando in maniera fedele allo spirito originale, i brani composti insieme alla band e alcuni brani pubblicati in album solisti ma legati indissolubilmente all’esperienza Genesis.

30 luglio – Simple Minds

gruvillage-2014-cast-internazionale

E poi, attesissimo, il concerto di una delle band più amate di sempre: il 30 luglio sbarcano al GruVillage in collaborazione con Hiroshima Mon Amour i Simple Minds! Con oltre 60 milioni di dischi venduti Jim Kerr arriva a Grugliasco per suonare dal vivo tutte le canzoni del best of “Celebrate – The Greatest Hits”, con cui ha festeggiato i 30 anni di carriera.  Nati sul finire degli anni ’70 ed esplosi a livello mondiale negli anni ’80, gli scozzesi Simple Minds hanno scritto alcune tra le migliori pagine della musica anni ’80 diventando, dopo l’uscita del capolavoro “New Gold Dream”, vero e proprio inno new wave, uno tra i gruppi più popolari dell’epoca. Con la loro musica incrociarono per primi la new-wave con accenni di elettronica, e sono riusciti ad influenzare negli anni band come Manic Street Preachers, Primal Scream, The Killers fino ai più recenti The Horrors.


Condividi.