Heineken Jamming Festival: i vincitori del contest

HEINEKEN JAMMIN’ FESTIVAL CONTEST 2010

SELEZIONATI I 4 VINCITORI

LE CARTE, OH NO IT’S POK, IVAN HEART E PLASTIC MADE SOFA SI ESIBIRANNO SUL MAIN STAGE DI HEINEKEN JAMMIN’ FESTIVAL

GLI ALTRI 20 PIU’ VOTATI DA GIURIA E PUBBLICO SUONERANNO SUL SECOND STAGE

IL 3,4,5 E 6 LUGLIO AL PARCO SAN GIULIANO DI VENEZIA

Sono partiti in 3.654: da tutta Italia, le migliori leve della musica emergente nel nostro paese. Hanno trionfato in 4, sono i Le Carte, Oh No It’s Pok, Ivan Heart E Plastic Made Sofa. Un’accurata selezione effettuata da una giuria di qualità ha permesso, dopo un ascolto approfondito durato per ben 2 mesi e mezzo, di scegliere i 4 vincitori che apriranno le 4 serate di Heineken Jammin’ Festival.

I Le Carte calcheranno il main stage sabato 3 luglio precedendo band del calibro di Aerosmith, The Cranberries, Stereophonics e Plan de Fuga; il 4 luglio sarà la volta dei Oh No It’s Pok, opening act di Green Day, Editors, Thirty Seconds to Mars, Rise Against e The Bastard Sons of Dioniso; il 5 luglio debutto per Ivan Heart insieme a Black Eyed Peas, Massive Attack, N.E.R.D, Cypress Hill, Club Dogo e Airys; infine il 6 luglio spetterà ai Plastic Made Sofa aprire l’ultima serata del festival con Pearl Jam, Ben Harper & Relentless7, Skunk Anansie, Gossip e Gomez.

Sul second stage invece si esibiranno altre 20 tra le band arrivate alla finale del contest.

Sabato 3 luglio sarà il turno dei No Speech, Loren, Garnet, Lomè e Margot; domenica 4 luglio toccherà invece ai My Speaking Shoes, Limes, Said, Artemisia e Blastema; lunedi 5 luglio animeranno il palco i We Love Mamas, Auslander, B.R. Stylers, Quartiere Coffee ed i Gioman & Killacat; infine martedì 6 luglio toccherà ai About Wayne, Vetrozero, Lena’s Baedream, Limbo ed i Rivolta.

Il talento dei finalisti del Contest è stato ascoltato, apprezzato e giudicato da una speciale commissione composta da 12 selezionatissimi giudici esperti del mondo della musica: musicisti, produttori, critici, manager e tecnici. La giuria è composta da: Andrea Ferro e Cristina Scabbia (Lacuna Coil), Max Brigante (Rock Tv), Daniel C. Marcoccia (Rockstar – Rocksound), Pino Scotto (musicista), Marco Trentacoste (producer), Livio Magnini (Bluvertigo – producer), Fabio Guadagnini (Direttore Sky Sport), Fausto Donato (Universal Music); ad essi si sono affiancati due giudici di Heineken Italia: Giovanni Natalini e Marco Alberizzi.

Grande novità di quest’anno è stata che Heineken ha deciso di premiare non solo le band più promettenti, ma anche tutti gli appassionati di musica che, visitando il sito www.hjfc.heineken.it, sono diventate supporter di una delle band emergenti iscritte. 3 fra i supporter più fedeli e attivi hanno vinto la possibilità di vivere l’esperienza unica dell’Heineken Jammin’ Festival con un amico, vincendo un soggiorno valido per tutta la durata della manifestazione insieme alle loro band preferite; si tratta di Greta Privolizzi (Palermo), Silvio Zanon (Venezia), Roberta Rossini (Bari).

Infine, Heineken ha dato un’opportunità unica agli oltre 100.000 iscritti al sito: diventare blogger ufficiale della manifestazione. Per candidarsi è bastato scrivere un breve elaborato scegliendo uno dei temi musicali proposti su www.hjfc.heineken.it. I due migliori sono stati selezionati per affiancare dei professionisti nella redazione del blog ufficiale in diretta dal festival. I fortunati sono Silvia Pianelli di Carvico (Bergamo) ed Emanuele Riva di Brugherio (Milano).

INFORMAZIONI E CONTATTI

Per consultare il regolamento e iscriversi: www.hjfc.heineken.it.

www.heineken.it

www.rocktv.it

BAND FINALISTE HEINEKEN JAMMIN’ FESTIVAL CONTEST 2010

IVAN HEART

Ivan Heart, originario di Bari, è un progetto nato nel 2004. Le sue radici affondano nel bel canto: Ivan è un tenore leggero che coltiva una grande passione per la musica classica, ma che allo stesso tempo si lascia sedurre e nutrire dall’energia del rock… Per anni collabora con diverse band, facendosi conoscere nell’underground rock/metal/progressive barese e matura un’esperienza live che lo vede partecipare a contest e concerti. Il bisogno di assecondare la propria natura compositiva e la scoperta delle nuove accattivanti contaminazioni elettroniche, lo vedono nella nuova veste di arrangiatore per band e cantautori, oltre che compositore di colonne sonore nell’ambito di progetti artistici legati al mondo del cinema e dell’arte fotografica. Dal fermento creativo di quegli anni al progetto solista il passo è breve. La musica classica, il rock, l’elettronica si miscelano fino a prendere vita in dimensioni musicali nuove ed emozionanti, dalle venature a volte spigolose, ma comunque coinvolgenti: “rock sinfonico” è la giusta definizione. Il live show, in cui è supportato dalla professionalità e dalla complicità di musicisti di altissimo livello, è senza dubbio la più alta espressione dell’energia esplosiva marcata Ivan Heart. Ha appena realizzato un master di 11 brani inediti, in cui conduce l’ascoltatore in un mondo multidimensionale e onirico: il mondo di Ivan Heart.

LE CARTE

Il progetto “Le carte” si forma nel 2007 nel leccese. Composto da soli 3 elementi, Lorenzo Forte/ voce-basso, Mangialardo Roberto/ chitarra, Eleonora De Luca/ batteria. Il trio, dopo avere effettuato delle registrazioni di alcuni loro brani, comincia ad esibirsi in locali e a credere in questo progetto di rock alternativo. Partecipano a vari concorsi e nel febbraio 2008 registrano il loro primo demo. Scelti per il programma televisivo “Sala Prove” di Rock Tv, riscuotono svariati consensi tanto da guadagnarsi il titolo di miglior band.

OH NO IT’S POK

La dis-evoluzione, o meglio, la p(Ok)-evoluzione ricomincia da Torino. Dichiaratamente ispirati ai DEVO, a partire dal nome preso dal loro album del 1982 (Oh, NO! IT’s DEVO!), gli Oh NO ITs POk si stanno rilevando come una delle esperienze pressoché più uniche ed originali nel panorama indie nostrano. Il loro è un sound che emerge dal post punk e scivola su schitarrate surf, sapientemente sporcato da sequencer e voice coder, ma con un occhio di riguardo alle contaminazioni synth rock del Sol Levante (POLYSICS). Il tutto reso ancor più irresistibile nelle live performances dalla sregolata autoironia dei tre componenti della band: Jimmy POk (voce+chitarra+sequencer), Billy POk (synth+vocoder) e Danny POk (batteria+percussioni). Con uno strabiliante debutto sul palco della trasmissione Coca Cola Operazione Soundwave, trasmessa da Mtv prima in Italia e poi in tutta Europa, conquistano da subito il consenso di pubblico e critica e nel giro di pochi mesi vengono chiamati a suonare sui palchi dei locali più rinomati della penisola, dal Piemonte alla Sicilia, fino ad arrivare ai clubs di Camden Town, a Londra (BarFly nel 2010; Purple Turtle, Windmill e Cross King’s nel 2009). La visibilità oltreconfine li porta ad essere selezionati come opening band per l’anteprima mondiale del ritorno in scena dei veterani del cyber-punk Sigue Sigue Sputnik, grazie al progetto Sci-Fi Superstars del cantante Martin Degville.

PLASTIC MADE SOFA

Indie rock band made in Italy, originaria si Bergamo ed in attività dal 2008.

Il sound è un mix di rock classico e moderno, carico di influenze britanniche e americane. La band è capace di stupire alternando pezzi rock travolgenti a ballate molto melodiche, passando da chitarre elettriche distorte e taglienti a raffinate chitarre acustiche.

Nel 2009 registrano il loro primo EP, grazie al quale riescono ad emergere nella scena alternative di Milano.

Condividi.