Il Premio Videoclip Italiano apre al web

L’undicesima edizione del Premio Videoclip Italiano sezione Indipendenti si apre quest’anno all’insegna del web: la storica manifestazione abbandona il formato fisico per approdare a quello digitale, testimoniando l’evoluzione dei supporti del settore.

Nell’epoca di Internet che ha accolto il video musicale tra i suoi contenuti principali, il PVI abbandona le forme tradizionali di recapito per instaurare un rapporto diretto con l’utenza del web: per iscrivere il videoclip al concorso riservato alle produzioni indipendenti e amatoriali, lo si può adesso caricare su qualsiasi sito e/o piattaforma (a titolo esemplificativo e non esaustivo: YouTube, Libero, MySpace etc.) visibile al pubblico; per perfezionarne l’iscrizione al PVI occorre compilare in ogni sua parte l’apposita scheda di partecipazione, firmarla e inviarla via fax al numero +39-02-45490569. Il materiale deve essere postato entro e non oltre il 30 ottobre 2009.

I trenta videoclip finalisti scelti dalla giuria del PVI dovranno essere successivamente caricati sulla piattaforma ufficiale dell’organizzazione, secondo istruzioni che l’organizzazione fornirà agli iscritti prendendo diretto contatto via e-mail.

Il concorso del PVI è riservato a videoclip musicali realizzati a basso budget e/o che abbiano spiccati caratteri di indipendenza produttiva e/o di espressione alternativa, per la più grande iniziativa di ricerca e di scouting nella storia dell’audiovisivo musicale italiano. Tutte le informazioni, il bando di concorso e le schede per la partecipazione sono scaricabili nel sito ufficiale all’indirizzo www.rockol.it/PVI.

Fondato dal regista e docente universitario Domenico Liggeri nel 1999, oggi organizzato con Rockol e la partnership dell’Università IULM di Milano, il PVI si conferma così la più longeva manifestazione del settore, la prima in Italia nel suo genere per la valorizzazione dei videoclip alternativi e la scoperta dei nuovi talenti nella regia videomusicale.
Il Premio Videoclip Indipendente è una delle sezioni del Premio Videoclip Italiano: è in attesa del varo la sezione mainstream per i video già noti al grande pubblico; un panel di esperti sta individuando le cinquine di titoli per le quattro categorie che saranno proposte alla votazione on line dei lettori di www.rockol.it. In passato hanno ritirato il Premio artisti del calibro di Vasco Rossi, Eros Ramazzotti, Ligabue, Jovanotti, Franco Battiato, Subsonica, Gianni Morandi, Elisa, Gianna Nannini, Negramaro, Giovanni Allevi, Piero Pelù, Negrita, Gemelli DiVersi, Zero Assoluto, Violante Placido, Edoardo Bennato, Raf, Loredana Berté, Articolo 31, Nomadi, Gino Paoli, Tiromancino, Enrico Ruggeri, Verdena, Velvet, Le Vibrazioni e tanti altri; tra i registi premiati, da citare Tarsem, Lamberto Bava e Silvio Muccino.
Il concorso è sostenuto dai rappresentanti delle maggiori società italiane di produzione di video musicali, riuniti per sviluppare la ricerca di giovani creativi in tutti i settori artistici e tecnici della realizzazione di un clip, con il preciso intento di offrire loro l’inserimento in questo ambito professionale: i partecipanti al concorso in qualità di registi, direttori della fotografia, operatori di ripresa, montatori, producer, autori di soggetti e trattamenti, avranno così pertanto la concreta possibilità di proporsi anche per uno sbocco professionale nell’industria videomusicale. Per questo il Concorso del Premio Videoclip Indipendente conferma per questa sua decima edizione di voler premiare le categorie del Migliore Video Assoluto, del Miglior Regista, Miglior Direttore della Fotografia, Miglior Montatore, Migliore Autore di Soggetto e Trattamento.

 

Condividi.