Il ritorno dei Kasabian: tre date a febbraio

Indipendente presenta il ritorno di una delle band più importanti della scena inglese degli ultimi dieci anni: i Kasabian!

Giovedì 18 febbraio 2010
MILANO – Alcatraz
Via Valtellina 21/27
Aperture porte Ore: 19.00 – Inizio Concerti Ore: 20.30
Biglietto euro 22,00 + diritti di prevendita

Venerdì 19 febbraio 2010
BOLOGNA – Estragon
Via Stalingrado 83
Aperture porte Ore: 20.00 – Inizio Concerti Ore: 21.00
Biglietto euro 22,00 + diritti di prevendita

Sabato 20 febbraio 2010
RONCADE (Treviso) – New Age
Via Tintoretto 14
Aperture porte Ore: 21.00 – Inizio Concerti Ore: 22.00
Biglietto euro 22,00 + diritti di prevendita
CIRCOLO ARCI – ingresso riservato soci ARCI (possibilità di tesseramento in loco)

Biglietti in vendita su Ticketone dalle 10.00 di martedì 20 ottobre – in vendita sugli altri circuiti da martedì 27 ottobre.

Informazioni su come acquistare i biglietti:
Ticketone 892 101 www.ticketone.it
In tutte le prevendite abituali
www.indipendente.com

E’ un ritorno atteso ed in grande stile quello dei Kasabian, una delle band più importanti della scena alternative rock inglese che con il suo terzo album West Ryder Pauper Lunatic Asylum ha raggiunto lo status di formazione tra le più influenti in UK. Dopo la strabiliante esibizione al Milano Urban Festival di fine estate 2009 la band di Leicester si prepara a sbarcare nel nostro paese per tre date che metteranno in luce come la fusione tra rock anni ’70 e pulsioni elettroniche possa scatenare una potenza sonora che ha pochi eguali nel panorama musicale odierno.

Sono milioni le copie vendute da questo quartetto in tutto il mondo, un’avventura cominciata nel 2003, quando il nome Kasabian inizia a circolare nell’underground inglese. Una serie di singoli come Reason Is Treason, Club Foot e soprattutto LSF, fanno salire la febbre Kasabian in Inghilterra ed è così che nel 2004 con l’uscita dell’omonimo disco di debutto la band conquista ben due dischi di platino divenendo uno degli act più richiesti dell’estate 2004.
Nello stesso anno i Kasabian si affacciano anche sul mercato extra UK raccogliendo ottimi riscontri in USA e nel resto d’Europa. Anche l’Italia capisce le potenzialità della band che esordisce sul palco dell’ex Transilvania in un live quasi esaurito che ha del miracoloso. Nel concerto la band regala potenza e suoni raffinati, una fusione tra krautrock, dance, rock che riesce a mettere d’accordo gli amanti dell’indie, i nostalgici del british pop alla Stone Roses, i rockettari che amano i Led Zeppelin e la psichedelia acida alla Primal Scream. I Kasabian sono tutti questi elementi fusi insieme, un vero caleidoscopio esplosivo in grado di regalare emozioni forti e di far divertire.

I membri della band, tra cui spicca il vocalist/chitarrista Sergio Pizzorno (di origini genovesi e venete) è un frontman ideale per una band che ama presentarsi in tenuta quasi militare. I Kasabian diventano così nel giro di un anno una delle band più apprezzate e rispettate del pianeta, riuscendo anche ad emergere in america. Al disco d’esordio fa seguito nel 2007 Empire che debutta al numero uno in Inghilterra. Empire è un album meno diretto del precedente, più chitarristico ed ispirato a suoni puramente rock anni ’70. Il primo singolo, Empire, è una sorta di focus sugli orrori della guerra ed il pezzo Shoot The Runner (con un video ispirato alle guerre napoleoniche) è la canzone che meglio rappresenta la potenza della band. Dopo aver vinto l’NME awards come migliore live act del 2007 i Kasabian passano l’estate come protagonisti sui palchi di Glastonbury, Isle Of Wight, Live Earth, T In The Park.

Ormai una delle band più importanti ed acclamate in UK i Kasabian si rinchiudono in studio per realizzare il loro terzo disco. L’attesissimo West Ryder Pauper Lunatic Asylum esce nel giugno 2009, anticipato di qualche settimana da dal singolo Vlad The Impaler, una potentissima fusione di suoni elettronici anni ’70, ritmi incalzanti e saltellanti e sonorità rock aspre che presenta la nuova forma dei Kasabian al meglio. La potenza della band è confermata anche da The Fire e soprattutto da Underdog (abbinata ad una campagna
pubblicitaria Sony con protagonista Kakà) che porta i Kasabian a conquistare ottimi airplay radiofonici anche in Italia. Al disco partecipa anche Rosario Dawson che canta in un brano, mentre anche Quentin Tarantino dichiara di essere fan della band di Leicester.
West Ryder Pauper Lunatic Asylum esordisce al numero uno delle charts inglesi e rimane in top ten per tutta l’estate divenendo due volte disco di platino. L’estate dei Kasabian è ovviamente passata in tour come headliner di tutti i festival più importanti come Glastonbury dove si esibiscono prima di Springsteen.

West Ryder Pauper Lunatic Asylum è uno dei migliori dischi prodotti in UK negli ultimi anni e riporta i Kasabian all’attenzione di un pubblico non solo dedito all’alternative rock ma conquista, grazie alla sua perfetta calibrazione di suoni aspri e suoni pop (magistralmente orchestrata da Dan The Automator dei Gorillaz), un pubblico ampio ed eterogeneo semplicemente amante dei suoni rock. Ma è dal vivo che i Kasabian danno il meglio di loro e nelle tre date italiane previste nel calendario della band ci si aspettano scintille!

I KASABIAN SONO:

TOM MEIGHAN (Voce)
SERGIO PIZZORNO (Voce e chitarra)
CHRIS EDUARDS (Basso)
IAN MATTHEWS (Batteria)

Sito Internet:
www.kasabian.co.uk
www.myspace.com/kasabian

Il nuovo album West Ryder Pauper Lunatic Asylum disponibile in Italia su etichetta Sony-BMG

INFO
Indipendente Eventi e Produzioni
www.indipendente.com
info@indipendente.com

Condividi.