Indie Tune: da Modena a Nashville. Il nuovo disco degli Spaghetti Jensen

spaghetti-jensen

Partendo proprio dal titolo. Da Modena a Nashville la strada può essere decisamente corta e immediata se si ascolta la musica giusta. Di nuovo in bocca alla critica che pare non essere così spietata come al solito, ma dalle prime battute ci accorgiamo di una qualche attenzione che di questi tempi è merce rara quanto preziosa. Esce il terzo disco degli Spaghetti Jensen dal titolo “Men at Work” che di questi tempi viene da chiedersi: metafora o speranza?

Un terzo lavoro di inediti in studio che in pochi istanti ci porta nelle terre del Tennessee appunto, anche grazie all’impronta artistica frutto di una collaborazione con Lonnie Ratliff che di certo non è il primo venuto.

Ad aprire le danze questo singolo e questo video: “The Boys in the Band”. E da subito la semplicità restituita dalla cura dei dettagli per un genere che non diventa solo musica ma traduce uno stile di vita a tutto tondo, colpisce e intriga l’ascoltatore di ogni giorno. E dai suoni come dalle immagini, l’impresa di essere americani producendo qualcosa da casa nostra, da impossibile diventa quasi naturale. Sempre figlia di quei particolari che sembrano non sfuggire alla produzione degli Spaghetti Jensen a cui però, l’ascoltatore dotto e presuntuoso, avrebbe da rimproverare qualche piccola ingenuità italica. D’altronde la perfezione non è cosa gradita in ambito artistico e di mille vie di fuga ne è pieno chi sa filosofeggiare sulla simbologia delle cose.

Che poi oggi, Nashville, è davvero a pochi passa da casa…

Grazie a Mario Pinti


Condividi.