Indie Tune: l’etica e le parole nel nuovo singolo degli Inigo & Grigiolimpido

inigo-grigiolimpido

Un altro singolo dal titolo “Discorsi”, un altro estratto dal nuovo disco di cui sentiremo parlare tra non molto. Gli Inigo & Grigiolimpido tornano in scena guidati dalla Interbeat di Roma. Inigo Giancaspro è cantautore e portavoce di un progetto cantautorale già premiato a Sanremo, con un brano reputato essere “la più bella canzone d’amore del panorama indipendente italiano”.

Si chiamano Inigo & Grigiolimpido e tornano in scena con un nuovo lavoro dal titolo emblematico: “Controindicanzoni“. Prima di gustarlo e di consumarlo, la critica si accontenterà di un altro estratto che fa seguito al fortunato singolo “Faccio Il Filo a Sofia” dello scorso Giugno. E poi a seguire, un’estate di concerti, featuring, aperture e palchi condivisi con nomi storici della scena musicale italiana. Oggi tornano e lo fanno giocando con le parole e i loro significati, prendendo genuinamente in giro una realtà di demagogia e finte etiche, dov’è proprio la parola lo strumento in uso comune per darsi alla fuga di fronte alle responsabilità e al sano rispetto di un’etica – appunto – che sembra scivolare via dietro facili costumi sagomati ad arte.

Arte di cui noi italiani spesso siamo padroni e che, volendo o no, costituisce i dettami primi di una politica sociale che è alla base della famosa “crisi” di cui tutti parliamo. Questo singolo si intitola “Discorsi“, appunto, un titolo che dice tutto e può anche dire niente, una “parola” che lascia spazio alle interpretazioni. Fatto sta, che ogni interpretazione data, senza troppa ipocrisia, porta comunque a quel filo conduttore che è il legame che salda assieme ogni brano di questo nuovo disco. La Interbeat di Luigi Piergiovanni porta in scena un nuovo lavoro degli Inigo & Grigiolimpido, regala così alla critica di settore un nuovo documento di questa musica italiana che tende sempre di più a denunciare un disagio sociale prima che politico. Inigo Giancaspro lo fa con un solito scrivere diretto e poco romanzato, semplice quanto efficace, adolescenziale e allo stesso tempo maturo e deciso…altrettanto deciso ad arrivare a tutti, grande pubblico di massa e piccola cerchia della nicchia. A noi l’ardua impresa di capire da quale parte stanno i ben pensanti. E, come recita la cartella stampa, anche io ritengo importante citare una frase che ricorre sempre in questo brano: un po’ per avere ragione e un po’ per provocazione…

Aspettiamo il disco…

Alessio Primio


Condividi.