Jazz Re Found Festival 2012 programma

Quinta edizione per Jazz:Re:Found dal 21 al 24 giugno 2012 a Vercelli: un piccolo, atipico gioiello nel panorama dei festival nostrani. Four Tet, De La Soul, Alice Russell, Portico Quartet, Emika, Jazzsteppa, Sir Joe Quarterman, Move D, Claudio Coccoluto, Alessio Bertallot: questi sono solo alcuni dei nomi del cast 2012, che pone JRF tra le priorità dell’estate musicale italiana e non. Si inizia giovedì 21 giugno con una giornata che è molto più di un semplice warm up visto che mette in campo il grande maestro del broken beat e della drum’n’bass intelligente Dego dei 4 Hero, due dei nomi più chiacchierati dell’elettronica attuale (Onra col suo hip hop destrutturato, Machinedrum con la sua electro mutante), quei Portico Quartet prodotti dalla Real World di Peter Gabriel e già splendidi ospiti del festival, la dubstep “orchestrale” ed adrenalinica dei Jazzsteppa e una delle interpreti migliori del soul contemporanea, Alice Russell.

Venerdì 22 giugno, oltre a Four Tet, si divideranno sui palchi del festival i suoi “protetti” Rocketnumbernine (geniali nell’incrociare free jazz e post rock), il tedesco Move D con la sua techno colta e delicata, l’astro nascente dell’IDM Kwes (già remixer di Damon Albarn e Zero 7), la scienziata del territorio compreso tra dubstep, electro e musica concreta Emika, il giovane ma già quotatissimo progetto di luce e suono O / One Circle, nato a Istanbul dalle menti dei producer italiani Vaghe Stelle, Stargate e A:RA.

Sabato 23 giugno la line up, capitanata dai De La Soul, comprende anche una voce funk-soul storica come Sir Joe Quarterman, l’hip hop ispanico di Mucho Muchacho & Cookin’ Bananas e un intervento speciale presentato da Club To Club, il più importante festival dedicato all’elettronica e alla club culture in Italia che presenta insieme a Jazz:Re:Found Four Tet, Machinedrum, O e il suo personale Sound System in cui sono coinvolti Giorgio Valletta e Claudio Coccoluto.

Domenica 24 giugno la giornata sarà all’insegna del suono italiano. Anzi, più che del suono dell’ingegno: perché l’alt-pop sorprendente e ricercato di Carlot-ta, l’electroswing di respiro europeo di The Sweet Life Society, il rare groove in chiave disco e funk di due monumenti del deejaying italiano come Gino Grasso e Luca Trevisi e infine il progetto speciale architettato da Alessio Bertallot (che ha voluto con sé Mauro Ermanno Giovanardi dei La Crus, Syria, Diego Mancino, Roberto Dell’Era degli Afterhours) sono una splendida rappresentazione della vitalità della scena musicale di casa nostra anche (e soprattutto?) quando si esce dai confini del pop più banale e melodico.

Gradite presenze quelle dei set a supporto del suono di Jazz:Re:Found, con Dj Fede, Rocco Pandiani e Turbojazz, e le selezioni dall’apposito contest del festival che quest’anno premia il live del fresco e promettente talento di Kae e il dj spagnolo Enda Beat. Fondamentali sono le collaborazioni: oltre a quella già citata e cruciale con Club To Club, ci sarà unione di forze ed intenti con alcune delle migliori crew milanesi da un lato (Asterix che patrocina il set di Kwes, Mere.dith quello di Jazzsteppa, mentre PTW School e Well Founded mettono in campo direttamente i propri talenti in showcase tra giovedì e venerdì) e torinesi dall’altro (China Surprise, Bounce FM, Bedford Avenue, Opilec Music con I-Robots). Non solo: Piemonte Groove ha individuato in Jazz:Re:Found un partner privilegiato per presentare il suo progetto Young Talents, che recentemente ha scrutinato una rosa davvero invidiabile di nuovi talenti dell’elettronica, mentre il prestigioso IED – Istituto Europeo per il Design – mette in campo una appassionante live performance di sound design e brani remixati ispirata dal libro “Discoinferno” di Carlo Antonelli e Fabio De Luca che mapperà le frontiere passate e future della scena dance in Italia, oltre ad un lavoro curato da Federica Colombo e Paolo Pacucci che remixeranno in presa diretta una selezione di brani estratti dalle playlist create dagli ascoltatori di “Rai Tunes”, il programma di Alessio Bertallot su Rai Radio Due.

Da segnalare infine, che Domenica 24 ci sarà la presentazione e la proiezione del film documentario “Vinylmania: Quando la vita corre a 33 giri al minuto“, già film ufficiale del Record Store Day 2012. Un importante servizio per il pubblico sarà il campeggio: JRF mette a disposizione dei partecipanti al festival un camping attrezzato gratuito, che darà la possibilità di vivere il festival al 100%.

www.jazzrefound.it

 

Condividi.