Joe Bonamassa, il nuovo album in uscita il 22 settembre 2014

joe-bonamassa-nuovo-album-2014

Non tarderà ad arrivare il nuovo album in studio di Joe Bonamassa: il successore di “Driving Towards The Daylight” (2012) uscirà il 22 settembre 2014 con titolo “Different Shades of Blue”. Il disco, a differenza delle sue altre pubblicazioni ricche di cover, sarà per la prima volta interamente composto da brani inediti scritti dal bluesman. Come sempre la rosa di musicisti intorno a Bonamassa è di altissimo livello, con Anton Fig alla batteria, Reese Wynans all’organo, e la coppia Carmine Rojas-Michael Rhodes al basso. Ancora una volta la produzione è stata affidata all’immancabile Kevin Shirley (già produttore di Led Zeppelin, Aerosmith e Black Crowes).

Il chitarrista e cantautore statunitense ha promesso materiale trasudante blues ma ricco di sperimentazioni, pienamente consapevole di aver ormai portato il livello delle aspettative talmente in alto da non poter trascurare nessun aspetto in fase di scrittura. Anche per questo è ampiamente giustificata la scelta di farsi affiancare per la stesura dei brani da Jonathan Cain (tastierista e autore dei brani dei Journey, non uno a caso insomma), James House e Jerry Flowers, noto per aver suonato con Keith Urban. A riprova delle grandi aspirazioni di Bonamassa, l’artista ha preferito non pubblicare nulla nel corso del 2013 – cosa insolita dato che ha ci ha abituati ad una produzione ininterrotta – per dedicarsi completamente a questo disco. “Ho deciso di voler fare un album blues completamente originale. Ho dovuto davvero mettercela tutta per rendere ogni cosa migliore del mio precedente lavoro, ma so che i fan si aspettano questo e dopo tutti questi anni credo che un disco completamente inedito sia ciò che gli devo“.

“Different Shade of Blue” – Copertina del disco

joe-bonamassa-nuovo-album-2014-different-shade-of-blue

Joe Bonamassa sarà in concerto a Firenze il prossimo 26 giugno presso il Teatro Comunale, per la sua unica data estiva in Italia. Tutti i dettagli sull’evento sono reperibili cliccando qui.

Cover story di Rodolfo Sassano.

Condividi.