Lady Gaga Il promoter russo denunciato per propaganda gay

lady-gaga

Le leggi contro la propaganda omosessuale, introdotte dall’attuale mandato del presidente della Federazione Russa Vladimir Putin, aggiungono alle numerose vittime un nome illustre: il promoter russo che ha portato Lady Gaga in tour a San Pietroburgo lo scorso dicembre sarebbe infatti stato denunciato per propaganda di consumo di alcol e omosessualità. La denuncia è arrivata da una cittadina che ha affermato che, durante lo show, la sua figlia di tredici anni avrebbe assistito ad un’imitazione di un rapporto sessuale tra donne e all’inneggiare al consumo di alcol. Il promoter locale, Planeta Plus, avrebbe quindi violato una clausola che prevede la protezione dei bambini da qualsiasi cosa che potrebbe danneggiare lo sviluppo o la salute.

Anche se la cifra della multa è simbolica (circa 500 euro), le svolte penali della vicenda potrebbero portare a delle richieste di milioni di rubli come compensazione del “danno psichico” causato alla giovane teenager. Planeta Plus ha comunque annunciato ricorso: “Lo faremo perché nessuno ci ha ascoltato. Perché ci sono queste leggi contro la propaganda gay, questi piccoli trucchetti per farsi pubblicità portano solamente danni al pubblico. Recentemente, abbiamo perso la possibilità di far suonare in Russia Peter Gabriel: non si è mai esibito qui, ma ha rifiutato a causa delle leggi e come segno di supporto nei confronti delle Pussy Riot“.

Condividi.