Lady Gaga, la scaletta del concerto a Milano del 4 novembre 2014

lady-gaga-scaletta-concerto-milano-4-novembre-2014

Sta girando il mondo con il suo Artpop Ball Tour e Milano la aspettava fremente da mesi: è il 4 novembre 2014 e Lady Gaga ha conquistato il palco e il pubblico della città meneghina per la sua unica data italiana, un sold out stra-annunciato con 10.500 paganti.

Una produzione colossale, un palco composto da passerelle sinuose che si snodano nel parterre, con scenografie ingombranti ed effetti da laser show, che non riesce comunque a distogliere attenzione e i riflettori dall’unica grande protagonista in scena, una Miss Germanotta in costante combustione, sempre circondata da uno stuolo di ballerini multicolore e accompagnata da cinque musicisti (perché ci sono anche loro, eh).
La scaletta è quella classica che già ha caratterizzato le ultime date del tour europeo, un riversare continuo di hit su un pubblico stregato e reso partecipe. Ed è proprio nell’interazione con i suoi Little Monsters che la Gaga esce vincente, e dalla presentazione “Io sono Lady Gaga” pronunciata nella nostra lingua – gesto che da sempre scatena gli acuti d’entusiasmo sotto palco – all’indossare la giacca di un fan su “Do What You Want”, o ancora una t-shirt lanciata sul palco con sopra un invito poco elegante da riportare, Gaga è una perfetta dominatrice che sa farsi amare, idolatrare.
Si avvolge nel tricolore e sfila sui bracci trasparenti del palco, la diva, e raccoglie la lettera di un fan portandolo poi con sé sul palco per una versione piano e voce di “Born This Way”, lanciando un messaggio forte per i diritti dei gay, lei che della comunità LGBT si è fatta paladina: “se siete gay e vivete in Italia, dovete solo andarne fieri!”, aggiunge la popstar.
Una carica di esuberanza e vitalità, in uno ArtRave di due ore che incede vorticoso tra un cambio di mise e l’altra. Riassumendo… solo un altro concerto di Lady Gaga.

Lady Gaga – Scaletta Milano 4 novembre 2014

ARTPOP
G.U.Y.
Donatella
Venus
MANiCURE
Just Dance
Poker Face
Telephone
PARTYNAUSEOUS
Paparazzi
Do What U Want
Dope
Yoü and I
Born This Way
Jewels N’ Drugs
The Edge of Glory
Judas
Aura
Sexxx Dreams
Mary Jane Holland
Alejandro
Bang Bang (My Baby Shot Me Down) [Cher cover]
Ratchet
Bad Romance
Applause
Swine
Gypsy

Condividi.