Latinoamericando Expo festeggia 20 anni

LATINOAMERICANDO EXPO
FESTEGGIA 20 ANNI

CON UNA STRAORDINARIA PRIMA ASSOLUTA:
LA MARATONA MACONDO

LA LETTURA INTEGRALE DI CENT’ANNI DI SOLITUDINE
DEL PREMIO NOBEL GABRIEL GARCÍA MÁRQUEZ
AD OPERA DI 80 LETTORI D’ECCEZIONE
IL 9 E 10 GIUGNO IN PIAZZA DEI MERCANTI A MILANO

E CON UN’EDIZIONE DELLA MANIFESTAZIONE
CHE VEDRÀ IN SCENA, TRA GLI ALTRI
DANIELA MERCURY, GILBERTO GIL, TOQUINHO, MIGUEL ANGEL ZOTTO,
I LOS LOBOS, DIEGO TORRES E LUIS ENRIQUE
DAL 16 GIUGNO AL 16 AGOSTO AL FORUM DI ASSAGO

Una festa lunga due mesi che per la prima volta sarà anticipata da un evento unico mondiale: quest’anno Latinoamericano Expo vivrà un’anteprima di prestigio con la Maratona Macondo, una lettura pubblica del capolavoro del Premio Nobel Gabriel García Márquez, Cent’anni di solitudine, allestita il 9 e il 10 giugno alla Loggia dei Mercanti, in pieno centro a Milano.

Tra i lettori, alcune delle più importanti personalità pubbliche: comincerà il Sindaco di Milano, Letizia Moratti, al quale succederanno avvocati (Antonio Magnocavallo, Giuliano Pisapia), professori (il preside di lettere della Statale Elio Franzini, il rettore dello IULM Gianni Puglisi, l’economista Severino Salvemini, il filosofo Carlo Sini), politici (Ombretta Colli, Giovanni Terzi), musicisti (Roberto Cacciapaglia, Filippo Del Corno, Carlo Galante), imprenditori come Maurizio Romiti o personaggi della ribalta (Massimo De Luca, Sergio Escobar, Federica Fracassi, Dalia Gaberscik, Andrée Shammah). E poi scrittori ed editori (Rosellina Archinto, Gianni Biondillo, Isabella Bossi Fedrigotti, Massimo Vitta Zelman) ma anche i consoli del Cile, della Colombia e del Perù o il consigliere politico dell’ambasciata di Cuba, Vladimir Pérez. E poi Renato Mannheimer, l’architetto Stefano Boeri, il conte Gaddo della Gherardesca, il critico d’arte Philippe Daverio o la presidente del Fai Ilaria Borletti Buitoni. E il gran finale, affidato alla grandissima Lella Costa.

Un’iniziativa mai organizzata prima in nessuna parte del mondo, realizzata da Latinoamericando per la ricorrenza dei vent’anni di Latinoamericando Expo, manifestazione gestita da sempre con grande passione, che vuole essere un punto d’incontro, un luogo di aggregazione da vivere in un’atmosfera magica e accogliente con l’unico obiettivo che da vent’anni viene coltivato: diffondere la cultura latinoamericana e rappresentare un continente meraviglioso in tutti i suoi aspetti, dalla letteratura all’arte, dalla danza al  folklore, dalla gastronomia all’artigianato, al turismo e alla solidarietà.
Proprio per questo l’idea dev’essere piaciuta molto anche allo stesso Garcìa Márquez, che dalla sua residenza d’oltreoceano ha dato il nulla osta senza neppure volere i diritti: “Mi basta avere le videocassette della maratona”, ha detto, con una frase semplice e definitiva che sembra presa da uno dei suoi romanzi.

La Maratona Macondo è un’iniziativa curata da Andrea Kerbaker che con la sua società Immaginazioni e il sostegno del Comune di Milano, ha organizzato la manifestazione per anticipare e festeggiare la ventesima edizione del Latinoamericando Expo, la più importante manifestazione, a livello europeo, dedicata alla cultura latinoamericana, fondata da Juan José Fabiani  e sua moglie Franca De Gasperi.

Latinoamericando Expo aprirà i battenti il 16 giugno e si concluderà il 16 agosto nella cornice del borgo allestito al Forum di Assago. Un patrimonio di arte, musica, intrattenimento, costume e gastronomia condiviso negli anni da milioni di visitatori e patrocinato dall’Assessorato alle Attività Produttive, Politiche del Lavoro ed Eventi  del Comune di Milano, dalla Provincia di Milano, dalla Regione Lombardia e dai Consolati dei paesi dell’America Latina.

Quest’anno, la festa ad Assago sarà anticipata da un’iniziativa speciale organizzata a Milano il 15 giugno: il Latin Bus, un giornata di colori, suoni che diffonderà l’allegria di Latinoamericando nella città di Milano alla vigilia dell’apertura della manifestazione. Un “Magic bus” carico di musicisti e percussionisti, ballerine e aspiranti Miss, farà tappa nelle piazze principali della città e offrirà drink e gadget ai passanti, invitandoli a partecipare alla manifestazione più coinvolgente dell’estate.
Un momento di spensieratezza e coinvolgimento per cominciare ad assaporare le grandi novità che Latinoamericando Expo proporrà anche quest’anno.

Il Latin Bus partirà da Linate il 15 giugno alle 17:00, proseguirà fino a Piazzale Loreto, Corso Buenos Aires per arrivare fino a Piazza San Babila. Il corteo continuerà a piedi in corso Vittorio Emanuele, Piazza Duomo, giungerà in Galleria, via Dante fino a Cairoli per approdare al Castello Sforzesco. Poi, di nuovo in bus verso Cadorna, via De Amicis e Piazzale Cantore. Il bus farà tappa in Corso Sempione per continuare infine verso corso Como dove la musica e l’allegria accompagneranno la città fino a notte inoltrata.

Nel programma della ventesima edizione di Latinoamericando Expo:

• 62 giorni di concerti ed eventi speciali;
• Oltre 130 ore di spettacolo e concerti di 20 diversi generi musicali;
• 25 diversi locali, tra ristoranti, bar e latin lounge: stuzzichini, dolci e gelati
• Iniziative culturali di ogni tipo che celebrano le tradizioni di 20 Paesi al Padiglione delle Nazioni;
• 1 mostra interattiva intitolata “Nuestra Historia” raccontata attraverso immagini, video, concerti, dedicata ai 20 anni di Latinoamericando;
• Gare e scuole gratuite di ballo, esposizioni di artigianato locale, punti di informazione sul turismo e sul commercio, iniziative di solidarietà.
• Il Latin Lounge Tour, 10  serate a tema latino, organizzate nei principali locali di Milano a partire dal 17 giugno;
• 1 Guinness World Record da battere: domenica 4 luglio, al Campo Sportivo di Assago, Latinoamericando Expo, in collaborazione con Yamambò Dance School, prova a riprendersi il Guinness World Record della Rueda più grande del mondo, vinto nel 2006.
Le coppie da battere sono 500, primato che si è aggiudicato la Colombia a Cali nel 2007. I mille ballerini partecipanti dovranno danzare questo ballo cubano all’unisono per cinque minuti, eseguendo – alla presenza dei giudici ufficiali del Guinness dei Primati – le figure chiamate in ordine sparso tra le venti citate nel regolamento.

IL CALENDARIO

Decine gli artisti che si esibiranno sul palco centrale di Latinoamericando Expo 2010. Ad alcuni di essi, per aver partecipato fedelmente alle numerose edizioni, Latinoamericando Expo renderà omaggio attraverso una premiazione speciale al momento della loro esibizione sul palco.

Si parte fortissimi, già con l’inaugurazione del 16 giugno, con la soprano peruviana  Tania Libertad. E poi  il famoso interprete di telenovelas, El Puma (il 19), il grande tanguero Miguel Angel Zotto in Tango per due (il 22) e il Latin Dance Show, intervallato da esibizioni di ballerini junior (il 27), serata dedicata al ballo latino ed alla Solidarietà (specialmente verso Haiti e il Cile, colpiti dai recenti terremoti).

A luglio la temperatura  si alza con i concerti di Oscar D’Leon (il 3), i Los Lobos (il 4), Josè Feliciano (l’8), Diego Torres (il 9), Gente D’Zona (il 16), Gilberto Gil (il 17), La India (il 24), Los Van Van (il 25), Luis Enrique (il 31).

E ancora, ad agosto verrà il momento degli Inti Illimani (l’1), la grande soirèe di Miss Festival che celebra la bellezza latina (il 2), Banda Eva (il 6) e il grande Toquinho l’8 agosto. Per ill giorno di Ferragosto, Latinoamericando ha preparato una festa davvero speciale: si inizia con il Gran Carnaval in centro a Milano e la sera ad Assago, la Regina dell’Axè Daniela Mercury. Il Carnevale si ripeterà il 16, giorno di chiusura dell’Expo, al villaggio di Assago con la partecipazione di Nu Braz.

Per  “catturare” un pezzetto dall’Expo, che il visitatore potrà portare a casa propria, sarà possibile farsi fotografie accanto all’immagine virtuale del proprio artista preferito e, a fine concerto, acquistare il dvd professionale del live della serata degli artisti che lo concederanno.

Condividi.