Lunaria chiude con Bassignano e Luzzi

LUNARIA CHIUDE CON BASSIGNANO E LUZZI
giovedì sul palco la banda al completo di “Ho perso il trend”

La serata andrà in onda su Radio 1 Rai, ospite anche ENRICO VAIME

Giovedì 5 agosto (a partire dalle 21.30, con ingresso gratuito) nella centralissima Piazza Leopardi di Recanati, andrà in scena l’ultimo degli appuntamenti di LUNARIA, la rassegna estiva, ideata dall’Associazione Musicultura, incentrata su musica e parola, che ospiterà Ernesto Bassignano e Ezio Luzzi, coinvolti in un esperimento di trasposizione di “Ho perso il trend”, il programma di Radio 1 entrato di diritto nell’albo d’oro delle trasmissioni radiofoniche italiane più amate e seguite dal pubblico.

La verve istrionica di Ernesto Bassignano troverà pane per i suoi denti nel laconico contraltare di Ezio Luzzi. Ma i due non saranno soli, la banda di “Ho perso il trend” è infatti stata cooptata al gran completo. Alla regia, questa volta sul palco anziché nella calma di uno studio radiofonico, vedremo all’opera il pirotecnico regista e curatore delle musiche di “Ho perso il trend” Alex Messina. E poi ci saranno le colorate gag degli altri protagonisti del programma: il “funzionario Rai” Savinio Cesario, “l’attore” Stefano Antonucci, la “psicanalista junghiana” Paola D’Agnese e Claudio Lardo, nei panni di “Orso Maria Trombini”.

Una bellissima sorpresa sarà Enrico Vaime che parteciperà amichevolmente a questo inconsueto show di mezza estate, quasi a benedire, con la disincantata autorevolezza che lo rende prezioso uomo di pensiero ed ironia, una serata ideata per divertire senza abbandonare il lume dell’intelletto.

Lunaria chiude il suo ciclo di eventi estivi nella città di Leopardi dopo quattro appuntamenti di alto profilo con i più grandi interpeti della canzone d’autore, accompagnati da intensi giocolieri di parole.

E Recanati ha risposto ogni sera riempiendo all’inverosimile la piazza più importante della città, entusiasmandosi per le canzoni dell’emergente Giusy Ferreri, che in coppia con Gianmaurizio Foderaro ha ripercorso i momenti salienti della sua bruciante carriera. Poi Simone Cristicchi e Vincenzo Costantino Cinaski, con i loro versi nudi e crudi. Infine il “professore” Roberto Vecchioni che a Recanati ha portato le sue canzoni sotto una veste elegante, oltre ad un giocoso repertorio a combinare musica classica e poesie. Insieme a Vecchioni, l’attrice Sonia Bergamasco ha reso omaggio alla “più grande poetessa di tutti i tempi”, come l’autore di Luci a San Siro ha definito Alda Merini.

 

 

Condividi.