Matteo Toni esordisce con l’EP “Qualcosa nel mio piccolo”, prodotto da Moltheni

Matteo Toni, nato nel 1975 a Modena, è cantante, chitarrista, autore.

Già voce della funk-reggae band Sungria, che conta al suo attivo alcuni album, in passato ha collaborato e suonato con artisti del calibro di Caparezza, Après la Classe, Marlene Kuntz, Meganoidi.

Nel 2007 Matteo si siede su uno sgabello, da cui scopre una nuova condizione di espressione: un suono radicale, fatto di voce di chitarra slide e del battito dei piedi, può essere potente come un’orchestra. Su questa onda le parole cantano momenti del suo percorso, storie marginali, vere ed innamorate, storie di una generazione crepata, disorientata, ma piacevolmente anestetizzata.

Nel 2010 il suono si amplia come trio e, con Giulio Martinelli alla batteria ed Enrico Stalio al basso, registra l’EP di esordio ‘Qualcosa nel mio piccolo’, prodotto da Moltheni e Gilberto Caleffi per Still Fizzy Records.
Ne esce uno stile musicale intenso e acustico, appassionato e unico. 
 

Condividi.