MavericK feat. Davide Melis, ascolta la nuova canzone “La Terra della Pace”

maverick-davide-melis-ascolta-la-terra-della-pace

È in rotazione radiofonica da poco più di una settimana “La Terra della Pace“, brano di denuncia nato dal connubio artistico tra il cantautore Davide Melis e il giovane rapper MavericK.

La ballata pop rock di Melis, originariamente inserita nel suo album di debutto “Lo Rifarei”, prende nuova forma grazie alla collaborazione con MavericK, che ha riscritto in versione rap parte del testo, originariamente di Melis e Emanuele Chiusaroli. La musica dunque abbraccia il ruolo di veicolo di messaggio sociale, denunciando l’umiliazione dell’immigrazione, l’orrore della morte, una somma di tragedie evitabili eppure troppo spesso sommerse dal silenzio.

La canzone è un canto di denuncia e di unione tra i popoli e punta i riflettori in particolare sulla realtà a noi più vicina, quella di Lampedusa, dei barconi della morte, dei corpi ripescati dal mare. “Davanti a Lampedusa in cerca di vita, la speranza di una svolta mentre affondi è già finita“, scandisce Maverick, paragonando la distanza tra il delta del Niger e le coste italiane all’infernale Stige, dominato da Caronte; gli risponde la denuncia dell’indifferenza di Melis, la cui incisività si concentra nel ritornello: “prendono a sassate Gesù Cristo che è sbarcato senza visto“.
Sono versi di un testo duro, carico di emotività, dove le strofe rap si sciolgono sulla base di chitarre acustiche ed elettriche in un connubio dalla grande forza espressiva.

Rispecchia il mio modo di vedere e di vivere il rap,” spiega MavericK, “che per me deve essere un genere di musica sociale, che dà fastidio e che cerca di smuovere l’attenzione della gente verso problemi e tematiche sociali attuali”.

Il featuring è stato tradotto in tre lingue, inglese, francese e spagnolo ed è accompagnato da un videoclip, diretto da Paolo Meroni, dotato di sottotitoli in lingua araba e visibile qui in basso. (I sottotitoli del video si attivano selezionando l’opzione “captions” tra le impostazioni Youtube.)

Condividi.