Miley Cyrus, a breve il via al tour 2014. Consigli per la (sua) sopravvivenza

miley-cyrus-tour-2014-consigli

Ancora a parlare di Miley Cyrus? Per forza, il suo tour 2014 parte il 14 febbraio e come faccio a non parlare di un personaggio così tanto chiacchierato? Ho delle idee piuttosto discordanti, spesso le ho espresse e mi sono ritrovata a combattere con le giovani fan che la idolatrano per il suo coraggio e il suo atteggiamento da “aho io so troppo la più figa, io me ne frego”. Così ecco Miley, qui sotto scrivo quello che penso di te, e qualche consiglio per riprenderti un attimino.

 

“Cara Miley, inizio col dirti che io non ti odio, semplicemente faccio molta fatica a capirti. Immagino un nutrito gruppo di persone sedersi intorno a un tavolino e decidere ogni tua minima mossa, immagino te come un burattino con dei fili attaccati sulla testa. L’industria musicale è così, per carità, però a un certo punto dovresti tirare fuori un po’ di personalità. Io non odio il pop, non odio nemmeno tutto ciò che c’è intorno, e ho già espresso il mio parere in proposito. Amo Rihanna e sono andata al concerto di Madonna, non mi spaventano gli eccessi, metto lo stesso smalto che usa Nicki Minaj e le mie amiche mi dicono che, molto spesso, riesco a essere trash quanto lei.

Eri Hannah Montana e ti sei stufata di quel personaggio, in parte ringrazio il cielo per questa tua scelta perché eri insopportabile. Le tue espressioni facciali erano fastidiose, il tuo modo di muovere la bocca mi faceva venire voglia di prenderti a sediate.
Poi si cresce, si cambia, ci si inventa un personaggio nuovo, forse proprio per staccarsi da quelli precedenti. Te ti ci sei staccata alla grande, diventando l’esatto contrario.
Io Bangerz l’ho ascoltato, e se devo dirla tutta mi è piaciuto anche un bel po’. Dentro ci ho trovato di tutto, Wrecking Ball è un pezzo con un testo bellissimo e triste e che ti entra nel cervello e non ne esce più.

Poi qualche giorno fa Mtv ha deciso di tornare a dare un senso a quella M che sta per MUSIC, mettendo per un’oretta da parte le ragazzine che durante l’ora di educazione sessuale o dormivano o twittavano messaggi d’amore a Justin Bieber, e ha mandato in onda il tuo show unplugged. Eri vestita malissimo, sembravi Snoop Dogg dopo essersi bevuto quattordici vodka lemon, ti muovevi come me quando ballo da sola Happy di Pharrell Williams in cameretta. Poi però hai fatto quello che ti riesce meglio, e quello che è il tuo lavoro: hai iniziato a cantare. E l’hai fatto da Dio, porca miseria. E mi è venuto in mente il motivo che mi spinge a sopportare poco Lady Gaga. Avete entrambe una voce paurosa, ma tutto il resto sembra sempre più importante. E il look, e il trucco, e le polemiche, e i video spinti, e le foto osè, manca solo di andare in rehab.

Quindi, Miley, sulla tua voce io non ho niente da dire, anzi, dovresti usare la tua lingua più per cantare e meno per leccare martelli. Su tutto il resto, però, qualcosa voglio dirla:
Non ti stai inventando niente. Britney e Madonna hanno limonato in diretta tv, Christina Aguilera ci ha fatto vedere il culo in Dirrrty, Rihanna e Shakira sculettavano before it was cool. Ma soprattutto c’è Katy Perry, quella che ha fatto dei riferimenti sessuali un’arte. Insomma, ha sparato dalle tette della panna bianca, pensi che il tuo cavalcare un hot dog gigante possa destabilizzarci? Oh no;

 

– Lily Allen ha messo in piedi una presa in giro alle pop star che di così ben fatte non se ne vedevano dai tempi di Stupid Girls di Pink e ci ha preso in pieno. Guardati quel video attentamente, e vergognati un pochino del tuo essere dannatamente ridicola;
– In rehab c’è andata prima la Winehouse e Linsday Lohan lo ha reso uno sport nazionale. Quando mai ci finirai, cosa che credo molto prossima, sappi che non sarai la più cool ma solo, ancora una volta, una copiona;
– Il tuo look non può nemmeno essere definito look, la pelle andrebbe scoperta se si ha il fisico adatto per farlo, e mi sento in dovere di citare di nuovo Katy Perry che con i suoi vestitini succinti fa venire la bava alla bocca persino a me. Io ti vedo sempre con un paio di mutandoni bianchi (dai, ma sei seria?) e un crop top che più che altro è una canottiera intima bianca di quelle che mio nonno Aldo porta sotto le camicie di flanella in inverno tagliata sotto il seno. Il reggiseno non lo porti, e non per femminismo e perché li hai bruciati tutti in piazza ma perché devi necessariamente sbatterci in faccia quei seni microscopici che sfido qualunque maschio sulla faccia della Terra a trovarli anche minimamente eccitanti. Se proprio vuoi coprire poco il tuo corpo io ti prego di farlo almeno con abiti che possano essere definiti tali;
– Ti sei fumata una canna sul palco degli EMA, e hai sconvolto tutti. A me l’unica cosa che ha lasciata perplessa è stato il fatto che te la sia tirata fuori da una Chanel, ma tant’è. Rihanna posta su instagram foto di lei “stoned” da tempo, e per di più dove vivi fumare erba è anche legale. Dai, su;
– Le tue unghie fanno schifo, così lunghe, così finte, così bianche, così da zozzona. Una pop star che ha litigato con l’acqua saponata ce l’abbiamo già ed è Kesha, ti prego, è già abbastanza;
– Le ragazzine di 14 anni sono già abbastanza sveglie, coi loro leggings con sopra i toppini corti e il trucco così pesante che quando si struccano sembrano…me, che di anni ne ho 24, e le guardo con una certa paura, perché i miei coetanei sono più interessati a loro che a me, perché pensano che abbiano già raggiunto la maggiore età da un po’. Ci stai rovinando la piazza, che te possino;

– Capisco che la fine di una storia d’amore con quel bono da paura del tuo ex Liam possa essere difficile da superare, ma non credi che ora lui, piuttosto che crogiolarsi nel dolore urlando “ma cosa mi sono perso”, passi le giornate a ridere del tuo ridicolo taglio di capelli e delle tue foto soft porno che ti ha scattato il tuo amichetto Terry Richardson?
– la donna sexy bisogna saperla fare, e te, Miley, di sexy non hai nemmeno lo sguardo;
– non sai twerkare, punto e basta.”
Insomma, continuare a parlarne alimenta l’interesse nei suoi confronti, quindi la finisco qui.
Liberati, Miley, calmati, vai da un’analista, prendi delle benzodiazepine, ma ti prego, non ne possiamo più.
Ma soprattutto CANTA Miley, canta e non pensare al resto che, almeno quello, ti riesce benissimo.

 

Condividi.