MTV EMA a Milano nel 2015. Saranno meglio di questi? Amarcord 1998

mtv-ema-2015-milano-1998-amarcord

Dal momento in cui la sempre sobria ed elegante Nicki Minaj ha annunciato che i prossimi MTV EMA si sarebbero tenuti a Milano (Forum di Assago) il 25 ottobre 2015, si è scatenato il delirio. Caccia a biglietti impensabili da trovare ora, anticipazioni e informazioni fuffa su vincitori e possibili ospiti, proclami di presenzialismo da parte di chi non c’andrà mai, salvo avere soldi da spendere dai bagarini.

Messo tutto questo da parte, in pochi forse ricordano che nel 1998 Jenny McCarthy (quella qui sopra ovviamente, una che alla Minaj dà circuiti di Indianapolis interi, non solo semplici piste) presentò un’edizione degli European Music Awards proprio al Forum. Ospiti gente tipo Madonna, Robbie Williams, R.E.M., Rammstein e molti altri. Posto che all’epoca si entrava nel palazzetto di Assago semplicemente aprendo un’uscita di sicurezza della palestra interna all’impianto al momento giusto (esistono leggende di frequentatori che si chiudevano nei cessi dalla mattina per poi uscire la sera e vedersi a sbafo concerti apocalittici), si trovano su YouTube dei filmati strepitosi di quella serata. Nessuno li ha mai visti a giudicare dalle views, ergo diamoci una bella ripassata di cosa capitò allo show.


Arriva la gnoccolona e presenta i Faithless. Ok verificate pure su Wikipedia, tanto non ci si perde niente. Dopo di loro viene già giù il Forum, arriva George Michael per premiare Robbie Williams. Madò che sbarbino che era RW. Aveva già fatto musica incredibile dimostrando che, tutto sommato, coi Take That aveva solo scherzato. Dopo di loro occhio a non cascare dalla sedia: arrivano Alex Del Piero e la Versace. La seconda già allora sembrava più vecchia di oggi, ma il 10 gobbo, santo cielo, è nella modalità wrestler: gigantesco! Premiamo le Spice (due Spice, Emma e Melanie C) già avviate allo scioglimento che fortunatamente arriverà un paio d’anni dopo questo show. Giusto per finire una prima parte poco ricca di star, alè ecco Madonna che canta (DAL VIVO!!one1!one!!).


Busta Rhymes e una gazzarra diddio sul palco, la gente non capisce niente ma si diverte specialmente quando parte la theme song di Knight Rider (aka Supercar, Hoff ti aspettiamo!) come base. I Fun Lovin’ Criminals quindi lanciano un video con gli Aerosmith, arrivano poi Dolce & Gabbana con qualcuno dei Boyzone per premiare Madonna. Quindi i Manic Street Preachers suonano il loro pezzo più conosciuto. Linea alla regia.


Segmento bello pacco, ravvivato dalla presenza degli Aqua, che all’epoca spopolavano con dei motivetti esagerati (roba che le popstar attuali si sognano). Tornano ancora sul palco le Spice Girls e Busta Rhymes è sempre più fuori di melone.


Divertenti comparsate di Nek, Zucchero e Bluvertigo (minuto 5:32, beccatevi com’erano fre$hi i ragazzi). Quindi ci sono i 5ive che cantano “Everybody Get Up” nel pandemonio generale. Poco dopo i R.E.M. sono impegnati sul palco a presentare un video su un’emittente radio slava. Suoneranno più tardi.


Appaiono Gautier e Armani per premiare le All Saints. Poco dopo grazie a dio arrivano i Rammstein a infiammare tutto. “Du Hast” distorta a livelli totali, prima della premiazione dei Beastie Boys (che ringraziano con grande convinzione tramite un video ad hoc).


Performance live delle All Saints, roba da oratorio don borgonovo se confrontato a twerking e altre cazzate di oggi. Natalie Imbruglia e Gavin Rossdale quindi premiamo i Prodigy fatti come delle mine e completamente disinteressati a quanto succede intorno a loro. Dopo una premiazione con le Cleopatra presenti (chi?), è ora dei R.E.M. dal vivo. Dopo di loro Skunk Anansie e Cranberries premiano la Imbruglia per “Torn”, spettacolari gli Skunk che dicono totalmente a caso “in culo alla balena, speriamo che non caghi”. Idoli.


Massive Attack premiati per “Teardrop”, quindi Damon Albarn con RONALDO (piango) che premiano (ancora) Madonna per “Ray Of Light”. Il palcoscenico rimane a disposizione di Robbie Williams, che canta “Millennium” e “Let Me Entertain You”. Qui sotto i titoli di coda.


Condividi.