Muse, i lavori per il nuovo album sono ufficialmente cominciati

muse-lavori-nuovo-album-ufficialmente-cominciati

I Muse sono già stati universalmente individuati come uno dei nomi protagonisti della prossima estate live, attualmente tra le band più quotate per essere headliner al prossimo Glastonbury, ma il ritorno in studio e il conseguente tam-tam mediatico hanno aggiunto una seria ipoteca sul ruolo primario che la band capeggiata Matt Bellamy avrà nel 2015. La scorsa settimana il batterista Dom Howard ha scosso i milioni di fan in attesa di aggiornamenti sul prossimo disco, rilasciando sui social il messaggio «sette giorni di conto alla rovescia per l’album numero sette», rimandendo volutamente ambiguo sul significato del countdown. Essendo ovviamente impossibile che la band avesse lavorato al disco in un così assoluto segreto, i Muse non hanno annunciato l’uscita a sorpresa del nuovo disco, bensì l’inizio del lavori per darlo alle stampe il prossimo anno.

La band – e nello specifico Matt Bellamy – negli scorsi mesi ha voluto rendere i fan partecipi rispondendo a numerose domande sul successore di “The 2nd Law” (2012), rivelando preziosi dettagli su come suoneranno i nuovi pezzi e quali saranno le tematiche affrontate.

Stando a quanto pubblicato dal frontman sul suo profilo twitter il nuovo album parlerà di ecologia, il vuoto d’empatia e la terza guerra mondiale, ma ciò che è più importante sarà molto più “heavy” e privo di orpelli, orchestrazioni e sperimentazioni elettroniche, le stesse che hanno caratterizzato le ultime pubblicazioni del trio britannico. «Torneremo a chitarra/batteria/basso», con queste parole il frontman ha reso lucidi gli occhi dei fan di vecchia data, pronti ad accogliere a braccia aperte un ritorno alle origini nel quale potrebbero trovare spazio anche gli assoli di chitarra che proprio Bellamy aveva rinnegato, tornando sui suoi passi solo di recente: «potrei contraddirmi nel prossimo album».

Condividi.