Musicultura 2010: dal 10 aprile le canzoni dei finalisti su Radio 1 Rai

Da sabato 10 aprile, per 6 settimane, andranno in onda su Radio 1 Rai le 16 canzoni di Musicultura 2010. Sarà il pubblico, televotando, a decretare due degli otto brani che accederanno alle serate finali della XXI edizione del Festival che si terranno il 18, 19 e 20 giugno all’Arena Sferisterio di Macerata.

Gli altri sei vincitori saranno designati da un Comitato Artistico di Garanzia composto da: Claudio Baglioni, Edoardo Bennato, Luca Carboni, Ennio Cavalli, Carmen Consoli, Simone Cristicchi, Lucio Dalla, Cristiano De Andrè, Teresa De Sio, Tiziano Ferro, Giorgia, Joumana Haddad, Dacia Maraini, Gino Paoli, Vasco Rossi, Ettore Scola, Michele Serra, Daniele Silvestri, Paola Turci, Ornella Vanoni, Roberto Vecchioni, Sandro Veronesi, Antonello Venditti e Lello Voce.

“Siamo davanti a sedici energiche ipotesi artistiche – dichiara Piero Cesanelli (il direttore artistico di Musicultura) – tra loro eterogenee, accomunate dalla genuinità dell’ispirazione e da una capacità: quella di emozionare”.

“Da dieci anni siamo la radio ufficiale del festival, – commenta Gianmaurizio Foderaro (responsabile della musica di Radio1) – seguiamo a Giugno le serate finali all’Arena Sferisterio di Macerata, ricche di tanti ospiti illustri, ma abbiamo antenne anche per le nuove tendenze e siamo orgogliosi di dare spazio alle canzoni finaliste di questo concorso prestigioso, scritte e interpretate da chi ancora non è conosciuto dal grande pubblico ma che si merita una chance”.

Le fasi eliminatorie della gara su Radio 1 Rai sono così strutturate: dal 10 al 16 Aprile si sfideranno Caraserena con il brano “La notte che inventarono il T9”, Alessandra Falconieri con “La rosa caduta alle 5”, Terrasonora con “Guardame” e Gappa con “Mio fratello”, due passeranno il turno.

Dal 17 al 23 aprile si sfideranno Francesca Romana con il brano “Il tuo nome e il veleno”, Mocambo Swing con “Il dolce del sale”, Giancarlo Ingrassia con “Per votarmi scrivi sì” e Andrea Epifani con “Tzigano della badante”, due passeranno il turno.

I quattro semifinalisti si sfideranno la settimana tra l’8 e il 14 maggio e due accederanno alla finale del 22 maggio.

Dal 24 al 30 aprile sarà la volta di Humus con il brano “Cenere al vento”, Canemorto con “Giuliano non lo sa”, Simona Gretchen con “Bianca in fondo al mare” e Jang Senato con “La bomba nucleare”, due passeranno il turno.

Mentre nella quarta settimana, dal 1 al 7 maggio si sfideranno Ipercussonici con il brano “Sicily”, Serena Ganci con “Addio”, Radiolondra con “Certe volte” e  Sara Rados con “Marzo”, due passeranno il turno.

I quattro semifinalisti si sfideranno la settimana tra il 15 e il 21 maggio e due accederanno alla finale del 22 maggio.

Il 22 maggio, quindi, il pubblico sarà chiamato a tele votare  i due cantautori che saliranno di diritto sul palco dell’Arena Sferisterio di Macerata il 18, 19 e 20 giugno, insieme ai sei decretati dal Comitato Artistico di Garanzia.

Nel frattempo le canzoni saranno disponibili in streaming sul sito di Radio 1, oltre che su quello di Musicultura (www.musicultura.it). A breve i brani potranno essere scaricati gratuitamente e, legalmente, su www.downlovers.it. A maggio sarà pubblicata e distribuita da Venus la compilation nelle librerie Feltrinelli, nel circuito Fnac e nei principali negozi di dischi.

Le canzoni di Musicultura 2010 debutteranno anche sulle frequenze di Rai Italia Radio, l’ex Rai International, che contribuirà a diffondere la musica popolare e d’autore targata Musicultura oltre confine, in attesa di trasmettere dal vivo le serate finali di giugno. Rossella Diaco curerà la programmazione dei brani e approfondirà la conoscenza dei loro autori nell’ambito di “Taccuino italiano” e di “Notturno italiano”.

Ibiglietti per le serate finali di Musicultura possono essere acquistati già da ora presso la Biglietteria dei Teatri di Macerata (Piazza Mazzini 10, tel. 0733.230735, boxoffice@sferisterio.it) e le filiali di Macerata della Banca Popolare di Ancona, in Corso Cavour 34 e via Giosuè Carducci 1. Tutte le informazioni su www.musicultura.it

Condividi.