Nirvana Nevermind: Kurt Cobain era ingestibile

Iniziano a fioccare le dichiarazioni rilasciate dai protagonisti in occasione del ventennale di “Nevermind“. A parlare con Rolling Stones è nientemeno che Butch Vig, storico produttore del disco simbolo dei Nirvana, che racconta qualche aneddoto sul suo rapporto con Kurt Cobain in fase di registrazione: “Durante le registrazioni lavorare con Kurt era difficilissimo, aveva continui sbalzi d’umore, passava dall’essere totalmente coinvolto a diventare totalmente assente andandosi a sedere in un angolo da solo. Mentre cercavo di trovare l’equilibrio giusto coi volumi di batteria e chitarra Kurt arrivava e mi diceva di abbassare tutti gli alti perchè voleva un sound più simile ai Black Sabbath…it was kind of a pain in the ass!

Condividi.