People Involvement, Festival In-Dipendente: il 14 agosto, a Frigento (AV)

«Ragazza di provincia, sembrerebbe una sconfitta,
una celebrità….
L’avvenire è andato, i sogni del passato
sono ancora tutti qua.
porti addosso i segni, segni evidenti, ah.
che i tuoi fallimenti stan tutti nei tuoi denti, ah.
non c’è giorno banale per chi è nata male, ah.
sei un essere speciale in un mondo animale, ah.»
Ragazza eroina, ZEN CIRCUS

Il progetto People Involvement di Frigento (primo laboratorio di un programma di coinvolgimento popolare), all’interno della sua programmazione estiva, realizzerà, nella serie di eventi denominati Sinergie, un Festival Rock Indie, quale evento simbolico di massa. La natura sperimentale del progetto di prevenzione primaria ci obbliga ad essere nuvole nei cieli del possibile. Pensiamo ad una serie di realtà indipendenti della musica italiana che si uniscono per incontrare una prevenzione fatta di coinvolgimento e di partecipazione. Un evento per i giovani irpini poco abituati a frequentare ciò che non è commerciale e mediatico. L’arte non dovrebbe abbeverarsi nelle acque torbide del mercato, che impone solo l’efficienza economico-finanziaria. Parlare di abuso di sostanze psicotrope, oltre la logica repressiva, ci chiama a realizzare qualcosa di non convenzionale, di aprire un percorso nuovo che immagini una prospettiva. Organizzare un evento come questo a Frigento è un azzardo che urterà le coscienze benpensanti della provincia italiana, in particolar modo meridionale, da sempre abituata a masticare triti cliché. Dove il luogo comune teorizza lo scandalo, l’eccesso, l’immorale, noi cerchiamo di depositare un senso alternativo, un “altri/menti”. L’Irpinia è l’eterna provincia italiana, vittima di un sentire nazionale troppo provvido di retorica e poco di prassi. Vittima di una natura matrigna, che ha scagliato la sua rabbia con un terremoto che ha sprofondato un territorio in in ginocchio. Vittima degli sciacalli di ogni risma che sulla sofferenza e la morte hanno mangiato l’anima e la cultura dei nostri luoghi, promettendo che ha indossato la maschera della farsa dopo l’immane tragedia. Cercheremo di dimostrare che il Sud, e un paesino dell’Irpinia, sono in grado di recepire e pensare, oltre l’identità liquefatta, un pensiero sul cambiamento che attraversi l’intero Paese.
Daniele Cipriani (operatore)
Maria Assunta Baronale (coordinatrice)
Alessandro “Alez” Giovanniello (Direttore Artistico)

14 Agosto 2010
Frigento (AV)

TEATRO DEGLI ORRORI
ZEN CIRCUS
DIAFRAMMA
GIORGIO CANALI & Rossofuoco
ZU
VALENTINA DORME
IL CIELO DI BAGDAD
GUERNICA

Ingresso gratuito

Tutto sullo stesso palco
Tutto in una notte.
Sei davvero pronto?

www.myspace.com/peopleinvolvement

Condividi.