Port – Royal: nuovo tour in Russia e Gran Bretagna e nuovo disco in arrivo

PORT – ROYAL 

SHOEGAZE, ELETTRONICA IDM, DANCE, POST-ROCK…

il mondo visionario della musica della band Genovese porta il capolavoro Dying In Time oltre i confini per un tour in Russia e in Gran Bretagna.

Prevista per novembre l’uscita di “port-royal –  2002-2010: The Golden Age Of Consumerism”

 

15 Settembre – Mosca c/o 16Tons w/S3P

16 Settembre – St. Petersburg c/o  Place Club

17 Settembre – Ryazan c/o Dom Kultury

18 Settembre – Samara c/o Truba

19 Settembre  – Tolyatti c/o Volta Club

 

15 Ottobre – Londra c/o Café OTO

19 Ottobre – Birmingham c/o The Victoria

21 Ottobre – York c/o Stereo

24 Ottobre – Aberdeen c/o Peacock Visual Arts

25 Ottobre Edinburgh c/o The Caves

27 Ottobre – Hull c/o The Adelphi

29 Ottobre – Londra c/o Wilmington Arms

Visionari, autori di suoni avvolgenti, innovativi e di atmosfere elettroniche magmatiche i port-royal sono un collettivo genovese che rappresenta uno dei migliori esempi di IDM degli ultimi anni.

Giunti alla pubblicazione, a Ottobre 2009, di Dying In Time, terzo full lenght uscito in tutto il mondo,  i port-royal sono attualmente formati da Attilio Bruzzone, Emilio Pozzolini, Ettore Di Roberto e Sieva Diamantakos (visuals), con la collaborazione dell’austriaco Alexander Vatagin che segue Attilio Bruzzone e Sieva nei live.

Dopo l’esordio di Flares, primo full lenght della band del 2006, attraverso l’etichetta inglese Resonant i port-royal cominciano così a farsi spazio nel panorama post-rock e shoegaze, dando inizio anche ad una serie di collaborazioni con altre etichette che permette loro di pubblicare EP e di collaborare con altri musicisti.

Esce così nel 2006 Honvéd, Ep pubblicato dall’etichetta canadese Chat Blanc. Ma è nel 2007, con la pubblicazione di Afraid To Dance, secondo disco, (Resonant) che la band comincia a farsi notare anche in Italia. I suoni dilatati, le magiche atmosfere e quello strano senso di nostalgia che accompagnano questo apprezzato lavoro impegnano la band in alcuni tour in Europa ed in Russia, oltre ad avviare importanti collaborazioni e remix per band come Ladytron e Felix Da Housecat.

Nel 2008 la band pubblica Flared Up (Resonant), un remix di Flares a cui collaborano artisti internazionali come Ulrich Schnauss, Manual, F.S. Blumm, Fizzarum, Minamo, Dialect, Stafraenn Hako.

Creatisi il loro spazio ormai in tutta Europa attraverso un tour che li ha portati in UK, Francia, Polonia, Belgio, Austria e Grecia ed in Russia, i port-royal pubblicano nel 2009 il terzo disco, Dying In Time, uscito in tutto il mondo attraverso la N5MD Records (UK, USA, Australia, Giappone, Germania, Danimarca, Islanda), Sleeping Star (Italia), Debruit et De Silence (resto dell’Europa), Isound Records (Polonia, Slovacchia e Repubblica Ceca), Klik Records (Grecia).

É prevista per novembre l’uscita in tutto il mondo (attraverso l’etichetta N5MD) di “port-royal – 2002-2010: The Golden Age Of Consumerism”, un doppio disco con pezzi inediti o ormai introvabili in uno e alcuni dei remix realizzati dalla band nell’altro. Tra questi troviamo i remix di Millimetrik, Ladytron, Felix Da Housecat, Tre Allegri Ragazzi Morti, Dag For Dag, Absent Without Leave e tanti altri.

Oscuro, ossessivo, dilatato e magico Dying In Time rappresenta la continua voglia di evoluzione della band genovese: un disco in cui l’atmosfera si unisce al ritmo incalzante, pur rimandendo fedeli al percorso seguito dagli esordi.

Live i port-royal si presentano in una veste che li vede protagonisti di uno show audiovisuale tra i più interessanti nel panorama nostrano: oltre ai musicisti sul palco (Attilio Bruzzone ed Alexander Vatagin) c’è anche la presenza del visual artist Sieva Diamantakos, di origine greca, in grado di aumentare l’impatto delle performace sonore della band.

Nella musica dei port-royal risiede la voglia di sperimentare, attraverso l’elettronica che entra in contatto con il post-rock, l’ambient e la dance, creando una magmatica onda sonora dal respiro internazionale.

More info:

www.port-royal.it

www.myspace.com/uptheroyals

Condividi.