“Mega Party di Natale” con Bloody Beetroots a Udine il 19 dicembre

Rock sperimentale, electro funk, hip hop contaminato e techno music: non mancano assolutamente gli ingredienti per una serata musicale davvero indimenticabile. Sabato 19 dicembre al padiglione n. 6 della Fiera di Udine va in scena il “Mega Party di Natale”, evento all’insegna della musica live e dei migliori dj set, con assoluti protagonisti i Bloody Beetroots, il duo trevigiano che sta spopolando a livello planetario sia sulle scene elettroniche che commerciali.

L’attesa festa prenderà il via alle ore 21:00 con la performance dei Seven Roses, un’emergente formazione rock sperimentale locale, che fa della commistione tra sound rock, basi elettroniche e live video la sua caratteristica peculiare. A seguire l’esibizione di un altro gruppo regionale degno di nota, gli Arbeiter, impegnati ad esplorare le nuove frontiere della musica elettronica. Il trio udinese produce un’atmosfera danzante con raffinate sonorità, derivate dalla sperimentazione di campionatori e sintetizzatori, aggiungendovi percussioni elettroniche. I loro brani nascono dall’uso di oscillatori ed arpeggiatori, bruschi tagli di sub armoniche e picchi di frequenza, alcuni computer, la ping – machine e una drum machine.

Nella seconda parte della serata, invece, spazio ai più grandi maestri della consolle, tra i quali spiccano su tutti i Bloody Beetroots, ovvero lo pseudonimo dietro il quale si nasconde il produttore e dj Sir Bob Cornelius Rifo, che nelle esibizioni live si fa accompagnare da Tommy Tea. Bob nato nel 1977 inizia da giovane a studiare musica classica, ma presto viene influenzato dall’energia grezza del punk e del rockabilly, dalle immagine intense ed oltraggiose dei fumettisti Magnus, Benito Jacovitti e soprattutto Tanino Liberatore, creatore di Ran Xerox. Dopo aver studiato Chopin e Beethoven, Bob sposta la sua attenzione nel produrre suoni che concilino i campionamenti e l’elettronica con la musica punk e new wave degli anni’80, lanciandosi per un decennio in una serie di progetti diversi. È così che Rifo crea Bloody Beetroots, alter ego elettronico che nel giro di due anni sforna 45 remixes e si esibisce in numerosi tour mondiali.

Il progetto nato ufficialmente nel gennaio 2007 è diventato in poche settimane uno dei fenomeni più chiacchierati e scaricati nei blogs di tutto il mondo dove viene considerato come una rivelazione in continua ascesa, dapprima all’estero e poi in Italia. In meno di due anni Bloody Beetroots ha fatto una vera e propria strage di produzioni e la sua musica ora ha fatto breccia anche nella cultura popolare; le sue produzioni originali sono state scelte dalla CBS per 3 episodi di C.S.I. Miami e recentemente Sir Bob ha conquistato anche le colonne sonore per i video giochi più venduti al mondo: Fifa 2009, Nba 2009, Need For Speed Pro Street e Need For Speed NITRO.

Nel 2007, Bob ha firmato per l’etichetta statunitense Dim Mak Records, casa produttrice con sede ad Hollywood, sotto l’egida di Steve Aoki, pubblicando gli EP Rombo (2008), Cornelius (2008) e Warp feat. Steve Aoki (2009). Sia “Warp” che “Cornelius” sono entrate nella Top Ten dei 10 album più venduti al mondo su iTunes. Anche nell’anno in corso Bloody Beetroots è salito alla ribalta delle classifiche mondiali con l’uscita dell’album “Romborama”, un progetto che incorpora tutti i generi musicali: pop, punk, electro, acid, hip hop, classica, house, techno…

Non solo Bloody Beetroots, il “Mega Party di Natale” sarà l’occasione per ascoltare da vicino anche le sonorità di Scuola Furano, Gigi Barocco e dei nostrani dj Fabrizio Gucciardi, Daniele Crucil e Pdx. Gli Scuola Furano, definiti da molti addetti ai lavori come i Daft Punk italiani, sono un frullato di hip – hop contaminato, house, elettronica da cameretta e suggestioni electro; mentre Gigi Barocco è l’autentica rivelazione del 2009 con “Puaah”. In un solo anno Gigi Barocco è riuscito ad avere i suoi dischi sulle etichette più blasonate d’Europa (Redman e Dim Mak tanto per citarne alcune) ed approdare in tour anche in Messico e Polonia, oltre che nei principali club europei.

I biglietti per l’attesissimo appuntamento sono in vendita nelle prevendite autorizzate Azalea Promotion, Box Office e sul circuito online Ticket One (www.ticketone.it). Il concerto è organizzato da Azalea Promotion, TKC srl, Kursaal Club e Virus Concerti.

PREZZO DEL BIGLIETTO:
Ingresso in prevendita     € 23.00

Per informazioni:
Azalea Promotion tel: 0431 510393 – e-mail: info@azalea.it – web: www.azalea.it

Condividi.