Rock In Idrho 2011: gli altri gruppi

Rock In Idrho 2011

Nelle scorse puntate abbiamo parlato delle band di punta del cast stellare del Rock In Idrho 2011, ossia Foo Fighters e Iggy And The Stooges. Abbiamo anche ricordato due altri gruppi non così famosi ma comunque storici per gli ultimi decenni della storia del rock, ovvero Social Distortion e The Hives. Ora è il momento di dedicare la nostra attenzione verso gli ‘altri’ nomi; act che, probabilmente, in festival meno clamorosi si sarebbero ritagliati uno spazio del tutto differente, ma che in questo contesto avranno l’onere e l’onore di scaldare gli animi del pubblico in attesa dei ‘piatti forti’.

Iniziamo col presentare i Band Of Horses, formazione proveniente da Seattle e dediti ad un indie rock che loro, però, preferiscono chiamare ‘orchestral pop’. Formatisi nel 2004 dalle ceneri dei Clarissa’s Weird, act nel quale militavano Ben Bridwell (voce e chitarra) e Mat Brooke (chitarra), con l’aggiunta di Creighton Barrett e Rob Hampton si stabilizzano come quartetto. La svolta della loro carriera avviene grazie a un concerto insieme ad Iron And Wine, nel quale vengono notati da un talent scout della Sub Pop. In Europa, però, iniziano a farzi conoscere solo con il loro ultimo album, “Infinite Arms” (2010), in cui accanto a sfondi sonori di chiara derivazione tradizionale americana (Neil Young), si possono percepire vibrazioni di etereo chamber pop in chiave Belle And Sebastian.


Band Of Horses – No One’s Gonna Love You

Prima di loro, però, gli spettatori potranno lasciarsi coinvolgere dallo strano ibrido di folk celtico e punk rock dei Flogging Molly (non a caso la loro proposta musicale è spesso definita celtic punk oppure folk punk), band di stanza a Los Angeles (lì si è formata nel 1997) ma i cui componenti sono di origine irlandese. Il loro quinto e nuovo album, “Speed Of Darkness“, verrà pubblicato il 31 maggio, esattamente due settimane prima della loro esibizione al Rock In Idrho. Un’occasione, questa, per gustarsi il prima possibile i nuovi pezzi della band, che per evidenti affinità stilistico – culturali è consigliata a tutti i fan dei Dropkick Murphys.


Ma nel Rock In Idrho 2011 c’è spazio anche per gruppi italiani. E non qualsiasi. Il 15 giugno calcheranno il palco della quarta edizione del festival nientemeno che i Ministri, fra le rock band tricolori emergenti più apprezzate in assoluto. Divi (voce e basso), Fede (chitarra e voce) e Michi (batteria) sono un power trio assolutamente unico nel suo genere, anche se a volte sono stati accostati, più che altro per una questione di tematiche, a Il Teatro Degli Orrori. In realtà il trio milanese va per la propria strada, forte di un rock ispido e viscerale, che nei testi e nei messaggi non si fa remore nell’affrontare i problemi, il degrado, gli errori e gli orrori della realtà italiana contemporanea. Con il loro terzo album, “Fuori” (2010), hanno definitivamente conquistato pubblico e critica. Anche se suoneranno quasi all’inizio della kermesse, sono assolutamente da non perdere.


Ad aprire le danze toccherà agli Outback, giovanissima band di Terni nata nel 2006 e, inizialmente, dedita a coverizzare brani dei Muse. Col tempo il quartetto formato da Gianluca Pantaleo (chitarra, voce, piano),  Francesco Nesta (chitarra, piano), Gabriele Raggi (basso) ed Eugenio Della Mora (batteria) ha maturato un proprio stile che, sebbene sempre devoto ad un indie – rock dal taglio inglese con forti accenti pop, è divenuto via via più personale e riconoscibile. Giugno 2011 sarà per loro un mese incredibile: infatti, oltre ad essere prevista l’uscita del loro primo album ufficiale, terranno il loro ‘battesimo del fuoco’ al Rock In Idrho. Buona fortuna.


Condividi.