Rock in roma 2014, il programma e la conferenza di presentazione della nuova edizione

rock-in-roma-2014-programma

Presso il palazzo del Campidoglio, sede del comune di Roma, è stata oggi presentata l’edizione XIII del più importante festival musicale italiano, il Postepay Rock in Roma 2014, che anche quest’anno si svolgerà all’Ippodromo delle Capannelle, nel XVIII municipio. Sono già noti i nomi di spicco che animeranno il festival: Queens of the Stone Age, Billy Idol, Prodigy, Die Antwood, Arcade Fire, Rob Zombie, Megadeath, David Guetta, Metallica, Alice in Chains, Black Keys, Editors, Caparezza e Afterhours. Ma le sorprese potrebbero non essere terminate, perché il responsabile del casting degli artisti, Maximiliano Bucci, ha annunciato la possibilità che un altro grande nome entri a far parte del cartellone, procrastinando il termine del festival, ad oggi fissato al 2 agosto.

L’intervento congiunto di istituzioni (Comune di Roma), sponsor (Postepay), partner (Deezer) e organizzatori ha segnato un ennesimo passo in avanti verso la costruzione di un festival degno degli standard europei: potenziato il trasporto per soddisfare al meglio il flusso turistico, attraverso il sistema delle navette, che verrà confermato anche quest’anno, e la possibilità di usufruire di un treno che collegherebbe direttamente la stazione Termini con l’Ippodromo – non solo una vera manna dal cielo per i numerosissimi partecipanti, ma anche una decisa presa di posizione nella lotta per il rispetto dell’ambiente. Potenziata anche la sinergia con le attività turistiche comunali: l’obiettivo è quello di unire le incredibili ricchezze della città di Roma alle opportunità di divertimento offerte dal festival, che a sua volta si rende fonte di turismo, come testimoniano le cifre dei biglietti venduti all’estero, che registrano un aumento del 4-500 %. Importante anche la partnership con Deezer: il notissimo player social darà infatti l’opportunità di vivere il festival in diretta, permettendo ai fan delle band in cartellone di potenziare la loro conoscenza discografica e soddisfare la loro curiosità. Ultimo, ma non ultimo, va sottolineato il nobile canale lasciato aperto dal Rock in Roma nei confronti delle associazioni Onlus, in particolare VIP (ViviamoInPositivo), che in collaborazione con l’ADMO darà la possibilità ai giovani tra i 18 e i 35 anni di incentivare la donazione di midollo osseo.

Tornando al festival suonato, c’è purtroppo da evidenziare la scarsa presenza di band italiane in un panorama così stimolante dal punto di vista artistico e dell’intrattenimento: perché così poche band della penisola? Quest’anno, a rappresentarci, troveremo soltanto Caparezza e Aftehours, confermati, questi ultimi, per il terzo anno consecutivo. Max Bucci tiene a sottolineare che i progetti e le offerte sono state invitate, da parte degli organizzatori, a chi di dovere: le risposte? Alcuni hanno semplicemente negato l’offerta – eh già, accade anche questo – mentre altri hanno dichiarato di non essere interessati.

Questo è il quadro. Non resta che attendere l’inizio del festival, fissato per il 3 giugno, e goderci questo spettacolo di livello internazionale, il migliore in Italia. In extremis, per gli amanti dello Sport, e precisamente del calcio, segnaliamo la possibilità di vedere le partite in un’apposita area dell’Ippodromo. Eh no, non manca assolutamente nulla.

 

Condividi.