Ronnie James Dio Memorial 2013, il 16 maggio a Sondrio

ronnie-james-dio-memorial-2013

Da tre anni a Sondrio (alta Lombardia, vicino alla Svizzera) si celebra il ricordo di un grande dell’heavy metal come Ronnie James Dio. Band locali e non si riuniscono all’Auditorium del Policampus per omaggiare colui che, oltre a far parte di band seminali come Black Sabbath e Rainbow, inventò pure il gesto delle corna con cui i metallari si salutano. Un vocalist e un personaggio carismatico dunque, che ha lasciato un segno importante nella storia del genere.

Sarà così anche quest’anno il 16 maggio (giorno esatto della scomparsa per tumore di Ronnie James, nel 2010) e con uno sfondo come sempre benefico. I fondi raccolti nella hard rock night sarnno devoluti ad Univale, associazione che si occupa dell’assistenza ai malati ematologici e alle loro famiglie. La guest star è anche quest’anno Kenny Earl “Rhino” già batterista dei Manowar, ormai affezionato ospite della Valtellina tanto da dedicarle una canzone “Through the Mountain” nell’ultimo album dei suoi Angels of Babylon. Personaggio di grande carisma e semplicità, amico personale di Ronnie James: “E’ sempre bellissimo – dice – incontrare qui a Sondrio tanti ragazzi che vogliono rendere omaggio a Ronnie attraverso la sua musica. E lui è qui con noi”.

Sul palco si alterneranno i Panzer (Arturo Gola, voce; Ron Bondo, chitarra; Angelo Rosafio, chitarra; Cristian Corso, basso; Alessandro “Bellamy” Amadeo, batteria) il cui staff organizza l’evento, che apriranno tradizionalmente il set con la topica “Holy Diver”, i milanesi Violett Demon (Roberto Andreoni voce, Edoardo Meregalli chitarra solista, Sara Sivilotti chitarra ritmica, Gabriele Catasca basso, Andrea Rucci batteria), The Warning Cross (Giuliano Gianatti, voce; Danilo Messa, chitarra, Alberto “el Guapo” Bollati basso, Renato Gusmeroli batteria) e Sixteen of May, una band costituita appositamente per la ricorrenza. Nel repertorio i grandi classici del repertorio di Dio, da “Man of the Silver Mountain” a “TV Rules” fino a “Kill The King” per una serata all’insegna del più puro heavy sound e del divertimento in cui si respira sempre una bellissima atmosfera. Long live rock and roll!

Paolo Redaelli

onnie-james-dio-memorial-locandina

Condividi.