Sergio Cammariere nuovo album il 13 marzo

Sergio Cammariere nuovo album il 13 marzo

Uscirà martedì 13 marzo il nuovo, omonimo album di Sergio Cammariere. Il pianista, compositore e cantante l’ha presentato ieri al Conservatorio di Milano attraverso un intenso e trascinante showcase affiancato dai fidati Amedeo Ariano alla batteria, Luca Bulgarelli al contrabbasso e Bruno Marcozzi alle percussioni. Ospite speciale, come accade da un po’ di tempo a questa parte, Fabrizio Bosso alla tromba, presente anche nel disco. Con un quintetto di questo livello sul palco dell’Auditorium la qualità era garantita, insomma. Ma il mini concerto ha brillato per un coinvolgimento che in queste occasioni spesso latita. Dal nuovo disco Cammariere e compagni hanno presentato quattro brani, il singolo “Ogni cosa di me“, lo scanzonato “Notturno Swing“, la cover tradotta in italiano di Vinicius De MoraesCom’è che ti va?” e il bellissimo strumentale “Thomas“, ricco di influenze fusion e dedicato alla Norvegia (nel lavoro è presente un altro brano strumentale, “Essaouira“, dedicato invece all’antica Mogador, città del Marocco celebre per esser stata frequentata da musicisti come Frank Zappa, Jimi Hendrix e Bob Marley). L’esibizione ha alternato le nuove composizioni con i brani più celebri dell’artista, come “Sorella Mia“, l’ormai classica “La pace del mare lontano” e l’immancabile “Tutto quello che un uomo“, il brano sanremese di Sergio, a chiudere il cerchio.


YouTube

Ma perché, dopo titoli fantasiosi come “Il pane, il vino e la visione“, chiamare la nuova opera semplicemente “Sergio Cammariere“? “Credo perché, più che in passato, in quest’album ho messo dentro tutto quello che mi piace nella musica. Si tratta di un vero e proprio melting – pot di genere e influenze delle più disparate. C’è il jazz, la bossa nova, i ritmi cubani, il cantautorato, la chanson francese alla Brassens, persino il rock progressivo nel brano ‘Controluce’. Anche perché a me piace la classica, il jazz, certo, ma in fondo ho un’anima rock. Quando ero ragazzino c’erano tutti questi gruppi, gli Area, la PFM, Le Orme, il Banco Del Mututo Soccorso che io ascoltavo molto, e la loro musica mi è rimasta impressa. E poi mi piace anche il minimalismo di Brian Eno, per questo ‘Controluce’ è nata da tre semplici accordi“. In breve, un disco davvero importante nella carriera del crotonese, il quale tra l’altro esce con una dedica altrettanto importante: “Ho dedicato questo lavoro a Pepi Morgia – spiega Sergio - che è scomparso lo scorso settembre. Non potevo non farlo, è stata una figura importantissima per me; abbiamo collaborato molto insieme, è stato un grande regista teatrale. Nel mio DVD filmato al Teatro Strehler è possibile vedere la sua coreografia…“.

Per quanto riguarda i testi, oltre allo storico collaboratore Roberto Kunstler, si sono aggiunti anche Sergio Secondiano Sacchi che si è liberamente ispirato ad una poesia dell’autore russo Vladimir Vysotsky per “Il principe Amleto” (“Ci siamo conosciuti a un concerto di Finardi ed è stato lui a chiedermi di mettere in musica il suo testo basato sull’opera di Vysotsky“), e Giulio Casale per “Transamericana“, la musica della quale ha avuto una genesi particolare: “E’ nata da un sogno estivo – racconta Cammariere -; io in genere non ricordo i miei sogni, ma quella notte mi son svegliato con in testa quella melodia, e grazie al mio iPhone sono riuscito a salvarla. Poi mi sono risentito con Giulio su skype e il testo è nato in pochi giorni“. Nella versione di iTunes è presente una bonus track, intitolata “Sinestesie” e affidata al solo pianoforte: “In questa traccia mi presento per quello che essenzialmente sono, un pianista. In futuro mi piacerebbe pubblicare dischi di piano solo“.

Adesso è la volta del tour, alcuni concerti primaverili che probabilmente faranno da antipasto alla tournée estiva. Ecco le date:

19 marzo BOLOGNA EuropAuditorium
1 aprile ROMA Auditorium Parco della Musica
5 aprile MILANO Teatro degli Arcimboldi
14 aprile PADOVA Gran Teatro Geox
16 aprile VERONA Teatro Filarmonico
23 aprile NAPOLI Teatro Bellini

Stefano Masnaghetti

Condividi.