Speciale Villa Tempesta 2011, le band presentate da Enrico Molteni

A pochi giorni dall’evento Villa Tempesta, che ospiterà a Villa Manin di Codroipo (UD) molti nomi di spicco della musica italiana, vi presentiamo la seconda parte del nostro speciale dedicato alla serata del 23 luglio. Come già anticipato nella prima parte, abbiamo coinvolto lo stesso Enrico Molteni nella presentazione delle band che saranno presenti all’edizione 2011 del festival dell’etichetta La Tempesta, in quella che è la parte più interessante, e forse anche la più “anomala”, di tutta la chiacchierata. Ovviamente in ordine alfabetico, per non fare torto a nessuno.

Chiaramente parlerò bene di tutti i gruppi, perché sono tutti nomi che mi piacciono e che hanno deciso di partecipare per la causa”: con queste parole Enrico Molteni ha introdotto la sua personale visione delle band presenti a Villa Tempesta.


Altro: Un trio di Pesaro che fa una musica così scarna e semplice, al punto di diventare quasi sofisticati. Sono degli amici: il cantante è anche il ragazzo che cura molte grafiche de La Tempesta, tra cui gli artwork di molti gruppi e le locandine di tutte e tre le edizioni del festival. Un gruppo gridato, che ti fa emozionare.


Aucan: Una nuova pubblicazione, un trio di Brescia che propone la musica più moderna e al passo con i tempi di tutto il nostro roster. Elettronica, dubstep con un batterista live che sembra quasi che balli mentre suona. Sono la prima pubblicazione per La Tempesta International e attualmente stanno suonando moltissimo all’estero.


Cosmetic: Gruppo di Rimini del quale mi sono innamorato al primo ascolto, perché sono una delle poche band in Italia a proporre nel modo più sincero uno dei miei primi amori musicali, lo shoegaze. Loro al momento sono l’unica band che conosco a proporre questo genere tipicamente inglese in italiano.


Fine Before You Came: Sono degli amici che conosco da tanto tempo. Cinque ragazzi di Firenze e Milano, una piccola istituzione che vuole che la loro musica resti “loro”, senza alcuna promozione o recensione. Una cosa che, anche se non vuoi, te li fa amare ancora di più.


Hardcore Tamburo: Progetto parallelo di Gian Maria Accusani, famoso per il passato con Prozac+ e Sick Tamburo. Il loro show sarà uno spettacolo di percussioni senza regole: possono suonare poco o tanto, come in pochi o tanti musicisti. Più che un gruppo, gli Hardcore Tamburo sono un progetto a sé, un’idea ritmica.


Il Pan Del Diavolo: Un duo di Palermo, che con una chitarra acustica e una cassa a sonagli riescono ad esplorare il blues, il folk e il bluegrass, risultando originali anche grazie a delle linee vocali cariche e particolari. Hanno fatto un solo disco, ma sono già amati.


Le Luci Della Centrale Elettrica: Il progetto di Vasco Brondi. Sarà sul palco con quella che lui ama definire la sua “orchestra distorta”, composta da quattro elementi. Non ho niente da dire su di lui perché, secondo me, è un musicista famosissimo. Il suo sarà sicuramente uno show bello, voglio un sacco di bene a Vasco.


Massimo Volume: Un nome importantissimo della scena underground, ma non solo, a livello nazionale. Hanno inventato un modo di esprimersi musicalmente tutto loro. Hanno due chitarristi che li ritengo tra i migliori in circolazione, ma anche la batterista è notevole. Per me è una sorta di supergruppo: ogni componente ha delle capacità che me li fa vedere come dei veri e propri supereroi.


One Dimensional Man: Altro nome storico del panorama noise italiano, dal quale poi nascerà il progetto Teatro degli Orrori. Una band che penso dedicherà buona parte della scaletta al loro ultimo lavoro, A Better Man, che per Villa Tempesta sarà ancora fresco di stampa.


Smart Cops: Un gruppo nuovo formato da quattro amici che si vestono da poliziotti punk e che propongono, in chiave garage rock, dei pezzi che parlano dei problemi dei poliziotti. Una band divertente, con testi che spesso non vengono capiti al primo colpo: impossibile non adorarli.


Tre allegri ragazzi morti: E’ la mia band. Siamo sempre in giro e non saprei da dove partire.


Uochi Toki: Un duo che ritengo uno dei nomi più originali e divertenti dell’hip hop, capace di raccontare delle storie che incuriosiscono tantissimo.


Zen Circus: Un trio che ha già pronto il nuovo disco, Nati Per Subire, in uscita ad ottobre.

Tra gli ospiti è probabile che si aggiunga anche qualche presenza dell’ultimo minuto. Uno dei nomi che non è nel volantino, ma che sicuramente ci sarà, è Gionata Mirai, che farà uno show di venti minuti al di fuori dei due palchi principali con la sua chitarra acustica 12 corde.

——————————

Informazioni su biglietti e prevendite
Il costo del biglietto di Villa Tempesta è di 20,00 euro, diritti di prevendita compresi. Un prezzo che, vista la quantità e la qualità delle band, la location (una delle più affascinanti del Nord Italia) e il lavoro di organizzazione che sarà fatto per Villa Tempesta, è più che popolare e, cosa non da poco, veramente alla portata di tutti.

E’ possibile acquistare il biglietto in prevendita presso Ticketone, Boxoffice, Biglietto e tutte le biglietterie autorizzate Azalea Promotion.

Per maggiori informazioni:
www.azalea.it (www.azalea.it/Events.asp?EvtID=1270)
www.latempesta.org
Villa Tempesta Facebook Event

Si ringrazia Azalea Promotion per la collaborazione

Nicola Lucchetta

Condividi.