Stefano Piro Hallebuia nuovo video

E’ stato pubblicato il nuovo video di “Hallebuia“, brano di Stefano Piro che anticipa l’uscita a gennaio 2012 dell’album di inediti dell’artista intitolato “Forme di vita del genere umano a colori”.Il video di “Hallebuia”, diretto da Enrico Parenti, è una sorta di micro musical che racconta la storia di un goffo Lucifero geloso della celebrità del suo capo. La storia nasce da un idea di Stefano Piro ed è ispirato al mondo delle marionette. Sabina Lizzi ha realizzato ed ideato le marionette protagoniste con la collaborazione di Massimo Gambaruti e Cristian Piro. La scenografia è a cura di Gilda Esposito mentre della fotografia si è occupato Marco Di Campli.

Alla realizzazione del singolo hanno partecipato Eric Cisbani (batteria) e Maurizio Macchioni (chitarra e basso) con la straordinaria partecipazione di Folco Orselli e Gnut nei cori infernali e del tenore Andrea Croci (già nel cast di musical come “La Bella e la Bestia” e “Sweeny Todd”). La produzione artistica è a cura di Maurizio Macchioni.

Abbiamo scambiato due parole con l’artista:Come nasce l’idea del video Hallebuia? Dalla voglia di rimpicciolire sorridendo la storia più vecchia del mondo. E’ l’idea della canzone che si è tramutata in immagine. Scrivendola mi ero immaginato il pupazzo Pestifero. Lo vedevo goffo e comico. Poi si sono aggiunti tutti i vari personaggi.

Quali sono le principali differenze di Forme Di Vita Del Genere Umano A Colori rispetto ai tuoi precedenti lavori? Forse la differenza più evidente è che non è concentrato su stati intimi e basta ma tento di guardare il nostro tempo da lontano, molto lontano per renderlo più normale.

Quanto tempo ha richiesto l’album in termini di songwriting e processo di registrazione? Diciamo che le canzoni scelte tra le varie sono state raccolte in due anni, poi ci ho lavorato su parecchio.

Quali sono le tematiche trattate nel disco? Accennavo prima che l’idea è di guardarci da lontano, perdere senso nell’infinita grandezza che ci circonda e poi rientrare nell’esaltazione della piccolezza che assume valori grandiosi.

Hai alle spalle già qualche anno di carriera da musicista, riesci a identificare fino a questo momento qual è stato il tuo momento migliore e quale quello peggiore in questo periodo? Si alternano alti e bassi molto velocemente per chi scrive ma sono felice di campar di musica. Comunque  i periodi più brutti sono quelli in cui l’accensione ispirativi rallenta d’intensità.

Come vedi la situazione attuale del music biz considerando la crisi economica che sta attanagliando il nostro paese? Io il music biz lo vedo in caduta libera da anni per mancanza di passione e curiosità dei Capi. Sono schiavizzati dal rientro economico immediato ma sono certo che debba crollare l’idea capitalistica perché s’è mostrata fragilissima e a volte fittizia.  Comunque sono più preoccupato della crisi globale che dovremo affrontare che del music biz. Ci vorrà tanto coraggio e tanta energia da parte di tutti.

Condividi.