Stolas: il Masada Quintet di John Zorn al Manzoni di Milano

“Aperitivo in Concerto” presenta, lunedì 16 novembre 2009, alle ore 21.00, presso il Teatro Manzoni di Milano, in prima e unica data italiana, uno fra i più recenti lavori di John Zorn, Stolas, il dodicesimo capitolo di Book of Angels, esplorazione musicale del mondo mistico della Kabbalah, affidato al Masada Quintet.
Zorn, celebrato autore e interprete con cui “Aperitivo in Concerto” intrattiene da lungo tempo un rapporto costante e proficuo e di cui ha presentato più lavori, da Moonchild e Electric Masada a Shir haShirim, si va sempre più proponendo come compositore che scrive opere appositamente per musicisti da lui reputati interpreti ideali.

Per Stolas ha ideato una serie di composizioni pensate per una nuova versione del suo celebre gruppo Masada, questa volta un quintetto di “all star” con il trombettista Dave Douglas, il pianista Uri Caine, il contrabbassista Greg Cohen e il batterista Joey Baron e con un sassofonista quale Joe Lovano.
Purtroppo, notizia del 4 novembre, Lovano si è fratturato la spalla nel corso di una tournée e dovrà rimanere a riposo per molti mesi. Zorn stesso ha perciò indicato, come unico possibile sostituto, un altro “divo” del sassofono, Chris Potter, conosciutissimo come solista in proprio (i lettori e critici di una pubblicazione come Down Beat lo hanno più volte premiato, considerandolo secondo solo a una leggenda come Sonny Rollins) e per le sue collaborazioni con artisti quali Paul Motian e Dave Holland. Come Lovano, Potter si avvicina per la prima volta al mondo complesso e sofisticato dell’ebraismo zorniano, introducendovi la vitalità intellettuale e l’improvvisazione jazzistica più attuale.

 

Condividi.