Suspicious Package per la prima volta in Italia

Dalle scrivanie dell’establishment di Washington DC ai palchi della scena rock: i Suspicious Package, autentico fenomeno da hype negli Stati Uniti, sono una rock-band formata da un Premio Pulitzer del Washington Post, due senior reporter (Los Angeles Times e Bloomberg) e due collaboratori del Governo Obama.

L’insolita formazione, già applauditissima oltreoceano, si esibirà in concerto il 24 agosto alle 21.45 all’arena ‘Beniamino Gigli’ di Porto Recanati (MC): per il gruppo sarà il debutto assoluto in terra italiana.

I Suspicious Package, nati nel 2008, eseguono brani autografi e cover rock, pop e punk sfoderando sulla scena un’insospettabile attitudine garage, ruvida ed energica. La band suona regolarmente durante i principali eventi mondani di Washington: tra questi va ricordata  la performance all’Ambasciata Italiana in occasione del prestigioso premio internazionale giornalistico “Urbino Press Award”. Nei principali happening  la loro presenza è  d’obbligo: dalla festa dell’ FBI a Quantico agli eventi sportivi in onore della locale squadra di football dei Redskins; dalla base centrale della “ US Air Force” al concerto a bordo del mega Incrociatore USS Intrepid nelle acque del porto di New York City.

I Suspicious Package sono:

Christina Sevilla (tastiere e voce) – Commercio Estero degli USA

Tom Toles  (batteria e voce) – Premio Pulitzer Washington Post  

Bryan Greene (chitarra acustica) – Sviluppo Urbano degli USA

Tim Burger (basso) – Reporter Bloomberg

Josh Meyer  (chitarra solista) – Corrispondente per la sicurezza nazionale del  L.A. Times

Durante la serata il gruppo dialogherà on stage con l’uomo che ha fatto del pianoforte una sua “estensione anatomica naturale”:  Matthew Lee, eccentrico artista vero dall’enorme talento che ha fatto innamorare del proprio stile –  tra gli altri – Renzo Arbore e Red Ronnie. 

L’appuntamento musicale è organizzato da Cristiano Traferri dell’azienda Euromet (leader in accessori professionali Audio-Video) e dalla Città di Porto Recanati.

 

Condividi.