I Cigni Ribelli di Swan Lake Reloaded a Milano

swan-lake-reloaded-milano-2014

Di quanta meraviglia e potenza è capace il corpo umano! Ogni movimento un brivido a fior di pelle. Audace e fa riflettere. Commovente, in un crescendo emotivo di vibranti dubstep e la musica Tchaicovskiana.
Swan Lake Reloaded entusiasma fin dai primi “fotogrammi” fisici con Rothbart spacciatore, contemporaneo uccello nero malvagio, che lancia “polvere magica” ad ogni frammento di movimento.
La street dance con tutte le sue evoluzioni e che fa dei danzatori degli atleti dialoga con la musica classica di Tchaicovsky, la musica dubtempo ed evocative musiche contemporanee.
Scelta azzeccata per i tempi drogainomani contemporanei del frenetico consumismo e arrivismo, dove l’eterna lotta tra bene e male, bianco e nero, diviene lotta alla prostituzione e alla droga, con i cigni-prostitute eroinomani in preda alle convulsioni ed alle allucinazioni da astinenza.

Anche le scenografie danzano con gli artisti, con cambi dinamici e suggestivi di proiezioni, luci ed elementi scenici.
Spettacolo vietato ai minori di 12 anni, ma per nulla volgare. Non si vede nemmeno tanta carne se non ovviamente le gambe e le braccia delle cigne-puttane. Direi spettacolo vivamente consigliato ai drogati di alto livello, che si possano rispecchiare nel delirio che porta alla morte dell’anima e del corpo.
Come andrà a finire il contrastato amore dei due protagonisti non lo svelo… Vi dico solo “Esplosione piumata!”.
Da bambina non avrei mai pensato che Il Lago dei Cigni si sarebbe potuto rileggere così e sono uscita elettrizzata da questo viaggio dove gli incantesimi proprio non ci sono, se non l’incanto dei corpi in movimento.

Quando Tchaicovsky batte per le strade a ritmo di dubstep e street dance. La meraviglia dei corpi in movimento agli Arcimboldi. Coreografie di Fredrik Rydman

Melissa Mattiussi

swan-lake-reloaded-milano-2014

Condividi.