The Best of Talkin’ Loud Recordings, in uscita il box degli Incognito

Il 13 novembre uscirà, per Universal Music Italia, il cofanetto “The Best of Talkin’ Loud Recordings” (box di 8 CD): otto album-capolavori che gli Incognito hanno inciso per la prestigiosa etichetta “Talkin’ Loud”.

Gli Incognito sono stati tra i primi ad entrare nel mondo dell’acid jazz: la band è capitanata dal “Guru” Jean-Paul Maunick, in arte Bluey (inglese ma originario delle Mauritius), il quale ha creato un genere unico prendendo spunto dal jazz e dal funk e arricchendoli con atmosfere “acide”. Bluey è l’unico componente del gruppo ad essere rimasto sempre attivo nella band: si sono alternati vari sassofonisti, bassisti, batteristi e cantanti, rimanendo però sempre tutti fedeli al sound della band.
Dopo l’esordio seguì un lungo periodo di silenzio, fino al 1991, quando il gruppo tornò prepotentemente con Inside life. Ma la consacrazione vera e propria avvenne con l’album seguente, Tribes  Vibes and  Scribes (1992), in cui si trova la celebre versione di Don’t you worry bout a thing di Stevie Wonder.
Nel 1993 è la volta di Positivity, un altro album di culto, seguito da molti altri dove Bluey si è progressivamente avvicinato ad un suono più dance ma sempre solidamente agganciato ai ritmi anni settanta, che costituiscono la sua inconfondibile e inimitabile cifra stilistica.

“The Best of Talkin’ Loud Recordings” è un doveroso tributo a questa straordinaria acid-jazz band, una delle più acclamate e imitate del mondo, e una di quelle che più di altre ha fatto della musica uno strumento di pace e di fratellanza tra i popoli! Un prezioso cofanetto da collezione, studiato nei dettagli e con una grafica per l’occasione completamente rinnovata. 

 

Condividi.