Trumans Water e Lower Dens in tour in Italia a dicembre

Dna concerti
è felice di annunciare
tour in Italia
TRUMANS WATER

04 dicembre 2010 – Jesi (AN) – TNT

05 dicembre 2010 – Varese – Twiggy

06 dicembre 2010 – Milano – Circolo Magnolia

Dopo un break durato 7 anni tornano i Trumans Water, leggenda dell’indie rock di Sand Diego, per presentare il loro nuovo album O ZETA ZUNIS uscito per l’etichetta di Sufjan Stevens Asthmatic kitty, che ha deciso ora di ristampare anche tutti i loro lavori del passato.

Nati nel 1991 per opera dei fratelli Kirk and Kevin Branstetter, influenzati dal rock di Sonic Youth, The Boredoms e Captain Beefheart, i Trumans Water hanno realizzato sino a oggi ben 13 album e importanti collaborazioni con importanti nomi tra cui Thuston Moore, Chan Marshall e Azalia Snail e divenendo un punto di riferimento per moltissime band americane nate nell’ultimo decennio.

Amati dal grande John Peel per cui hanno registrato ben 3 peel sessions, nel 94 della band, composta originariamente dai fratelli Branstetter, Glen Galloway, Ely Moyal, Andres Malinao, Kevin Cascell, restano solo i Branstetter e Cascell che, trasferitisi in Oregon, ripartono praticamente da zero e pubblicano numerosi album.
Il gruppo continua a comunicare un sound selvaggio e dissonante; ma un senso piu` acuto per la forma-canzone, e il supporto di un grandioso batterista (Kevin Cascell) ci presenta di fatto un nuovo suono e una nuova band. Per la prima volta, si riescono a vedere temi che erano soltanto intuibili nei dischi precedenti.
Tre date da non perdere.

Read More:
www.trumanswater.com/
asthmatickitty.com/

Tour in Italia
LOWER DENS

09 dicembre 2010 – Varese – Twiggy
10 dicembre 2010 – Senigallia (AN) – Gratis
11 dicembre 2010 – Cavriago (RE) – Calamita

I Lower Dens nascono nel 2009, quando Jana Hunter decide di mettere su una band a tempo pieno. I lower passano il resto dell’anno scrivendo l’album Twin-Hand Movement registrato da Chris Freeland (ex-Oxes drummer; proprietor of Beat Babies, Baltimore ) missato da Chris Coady (at his DNA, NYC) e masterizzato da Sarah Register (of the Lodge, NYC and the band Talk Normal.)

Questo progetto segna quindi il ritorno di Jana Hunter. La protetta di Devendra Banhart  e della sua etichetta, la Gnomonsong, non è scomparsa, come sembrava.
La sua ultima comunicazione dal suo antro texano, in cui ha composto i suoi dischi solisti di stregonerie freak-folk, era datata 2007: da quel momento si è spostata in quel di Baltimora e ha messo insieme una band, che ora la accompagna in fascinose, ombrose digressioni.
 
Pur nell’appeal immutato della sua voce ruvida, che suggerisce qui un sabba urbano di movenze e rituali sfuggenti, indecifrabili, il cambio di riferimenti appare chiaro fin dalle prime battute – i primi Cure  o gli Echo & The Bunnymen  riappariranno per tutto il disco. Spettri dark-wave volteggiano così, spaesati, nell’atmosfera rarefatta del presente.
(Grazie a Ondarock.it)

Video:
http://www.npr.org/templates/story/story.php?storyId=130408756&sc=tw&cc=share

READ MORE: ww.myspace.com/lowerdens

Informazioni al Pubblico: 
www.dnaconcerti.com – 06.47823484 – info@dnaconcerti.com

Condividi.