Wu Ming Contingent, il nuovo album “Bioscop” in uscita il 18 aprile 2014

wu-ming-contingent-nuovo-album-bioscop-18-aprile-2014

Agli inizi del 1995, il quintetto hard-core Frida Frenner accompagna Enrico Brizzi in un “reading per voce e rock’n’roll band” ispirato al romanzo “Jack Frusciante è uscito dal gruppo”. Il cantante è un tale Joe K. che cinque anni più tardi si farà chiamare Wu Ming 2. Sempre nel 1995, gli X-Ray Men collaborano con il poeta Gilberto Centi per la realizzazione del reading “Il navigatore cieco”. La formazione comprende Yu Guerra al basso e Cesare Ferioli alla batteria. Ancora nel 1995, i Nabat – gloriosa formazione dell’Oi! punk italiano – tornano a suonare insieme e incidono “Nati per niente”. Il chitarrista del gruppo è Riccardo Pedrini, la cui massa corporea verrà presto occupata anche da Wu Ming 5.

Passano 17 anni: nel frattempo i Nabat si sono sciolti e riuniti per la seconda volta, Yu Guerra ha pubblicato vari album di cui l’ultimo con Enrico Brizzi, Cesare Ferioli è diventato dj e produttore con lo pseudonimo di Big Mojo, Wu Ming 5 ha scritto quattro romanzi, Wu Ming 2 ha declamato reading di ogni genere con Egle Sommacal, Stefano Pilia, Danilo Gallo, Carlo Maver.

Dopo alcuni mesi di prove embrionali, tra condomini e salette di fortuna, nell’autunno 2012 nasce Wu Ming Contingent (omaggio all’album collettivo “Wu Liao Contingent”, pubblicato nel 1999 dalle quattro principali band di Oi! Punk cinese). L’idea che mette assieme il gruppo è proprio quella di superare la classica formula dello scrittore che legge i suoi testi con musicisti che suonano i loro strumenti. L’obiettivo è quello di produrre “canzoni declamate”, con scarne linee vocali, senza ripetere quanto già fatto egregiamente da Massimo Volume, Offlaga Disco Pax, Bachi da Pietra o Uochi Tochi. Impastare la narrativa con le sonorità punk e new wave che i suoi membri frequentano fin dall’adolescenza.

I numi tutelari del sodalizio sono Public Image Limited, Joy Division, Neu!, Patti Smith e Lou Reed.
I Wu Ming Contingent pubblicheranno l’album d’esordio, “Bioscop”, per Woodworm/Audioglobe/The Orchard), il 18 aprile 2014. 10 storie di sbilenchi personaggi maschili. I testi provengono dalla rubrica Wu Ming Wood, scritta da Wu Ming per il mensile GQ, tra il 2010 e il 2012. Brevi biografie maschili (da Peter Kolosimo a Socrates, da Mobutu a Gaetano Bresci) usate in maniera pretestuosa per parlare d’altro.

Domani 8 aprile uscirà anche “L’Armata Dei Sonnambuli” il nuovo libro del collettivo di scrittori (per maggio info seguite il link: http://www.wumingfoundation.com/giap/?p=16742).


Condividi.