X Factor Italia 2014, le audizioni di Bologna della seconda puntata

x-factor-2014-audizioni-bologna-seconda-puntata

Abbiamo già parlato delle audizioni di Torino, del talento di Lorenzo e degli scoppiati Cecco e Cipo. Ma le audizioni della seconda puntata di X Factor 2014 sono proseguite, facendo tappa a Bologna.

A tale “Zulia da Rizzone”, per gli amici Giulia da Riccione, il compito di aprire le danze, con la canzone Bum Bum di Irene Grandi. Mika si fa subito riconoscere, dicendo che anche lui ha scritto una canzone chiamata “Boom boom boom”, dove però quel boom indicava la fornicazione. Risate, simpatia, e poi un’esibizione imbarazzante. I giudici invece sembrano innamorati, con Mika che è l’unico a rendersi conto che qualcosa non va, anche se alla fine dice sì. Così anche lui può godersi il “Grazzziae” di Zulia. Mica scemo, eh.

 

Non mi soffermo troppo sugli “Aula 39”, boy band formata da cinque ragazzi che mi fanno venir voglia di gettare il televisore dal quinto piano ma che riesce a passare il turno. Sarò io, che dopo le audizioni di Torino ho esaurito la benevolenza, ma rimango sempre più basito.Per fortuna arriva Federico da Piacenza in arte An Harbor, con una barba importante, un voce interessantissima e il suo eccellente inedito in un impeccabile inglese. Anzi, a dire il vero, il ritornello del brano è talmente efficace che è difficile pensare non ci sia dietro la mano di un discreto produttore. Lo stesso Morgan non si nasconde: “secondo me è una hit”. Infatti voi non lo poteve vedere, nè sentire (per vostra fortuna), ma la sto canticchiando anche io in questo momento… No, non è vero, ho messo su un pezzo dei Black Sabbath, ma il ritornello lo ricordo davvero.

 

Davide Nicosia porta un po’ di ignoranza sul palco bolognese, e Victoria, totalmente disinibita, si lancia in un “non c’ho capito un cazzo scusa”, riferendosi al terrificante inglese che ha attentato alle orecchie del pubblico.
Ancora ignoranza, con Anna Pia Pizzulli che confessa: “penso che quel palco mi stia aspettando”. Morgan però non ci sta, e rilancia: “ma non sai cantareeee!”, per essere chiuso da un lapidario “io non credo” con il quale Anna Pia saluta e torna a casa.
E per chiudere un magico trittico, arriva il personaggio più irreprensibile visto fino ad oggi sul palco del talent show. Miguel Serse, adornato da una pellicciotto bianco, spavaldo dietro ai suoi occhiali da sole, regala all’Italia la sua gemma: “Ho il Mercedés”. Non contento dello spettacolo messo in piedi, si scaglia contro il voto negativo di Mika e lo fulmina con un “da uno vestito da barista mi aspetto questo ed altro”. Ne ha anche per Morgan, ma il capolavoro lo sforna lasciando il palco, quando smonta la fidanzata che vorrebbe incoraggiarlo: “andiamo via, stai zitta”. Applausi.

 

Giorgia Iob canta Gianna Nannini; a me fa venire in mente uno di quei sosia che cantano alle sagre paesane nel meridione, ma ai giudici quasi piace e le chiedono di sentire la sua “Tintarella sul Brenta”, simpatica rivisitazione suonata con il kazoo (che è uno strumento, ndr). Mika è sempre l’unico a rendersi conto delle cazzate che vengono dette alle telecamere: “musicalmente non capisco le tue ambizioni, non hai un futuro discografico”. Però poi Fedez la paragona agli Skiantos e Morgan rovina tutto correggendo il paragone e giocando la carta Davide Van De Sfroos. Lei ovviamente annuisce con il capo, ma sono sicuro al 99% che non avesse idea di cosa stessero parlando. Tanto alla fine passa pure lei. Boh.

Ed ecco finalmente il caso umano. Federica Moriconi da Perugia, 34 anni portati talmente male da pensare che abbia contato solo gli anni bisestili. Morgan, confermandosi il solito bomber, la lusinga: “ne dimostri meno però”.
La giovane Federica è una macchinetta, parla a raffica e confonde le idee a tutti, così quando canta “I Wanna Dance With Somebody”di Whitney Houston la gente si distrae e balla, mentre sul palco si compie il misfatto. Finisce la canzone, ricomincia a parlare e per un attimo ho il terrore che l’adrenalina riesca a deviare i giudici che sembrano divertiti.
No dai, è uno scherzo. No per Morgan. Sì per Victoria. Sì anche per uno sfasato Mika che nota che Federica è “la prima persona che parla più di Morgan”. Manca Fedez. “Per la simpatia è sì” – momenti di sconforto – “per X Factor è no”. Oh, meno male, alla fine non devo buttare il televisore dal quinto piano.

Leggi qui il resoconto della audizioni di Torino

Condividi.