Cast Indiemeno stagione 2007/08

Riceviamo e pubblichiamo.

www.indiemeno.it

ALIBìA
AMMUINA
ANDREA CHIMENTI
da'namaste
N.A.N.O.
PLANET BRAIN

 

ALIBìA
Vincitori delle maggiori rassegne a carattere nazionale (Arezzo Wave, Rock Targato Italia, Sonica, Tendenze), eletti da Musica! di Repubblica "la migliore proposta emergente del 2003", gli ALIBìA hanno esordito nel 2004 con "Confini", album apprezzato da stampa e pubblico e che li ha proiettati tra le maggiori sorprese dell'anno nel panorama indipendente nazionale. Il secondo atteso album dal titolo "Tra tutto e niente" viene pubblicato per CNI e VENUS nel febbraio 2007. "Tra tutto e niente" nel giro di pochi mesi diventa una nuova e decisa conferma per gli Alibìa, ancora una volta osannati dalla stampa, protagonisti di un lungo e riuscito Live Tour e programmati da circa 150 radio nazionali col brano "Va tutto bene", il cui videoclip era stato già premiato, a fine 2006, con 3 tra i più importanti riconoscimenti di settore: "Va tutto bene" vince infatti l'Animaclip del GiffoniFilmFestival, il premio nazionale Musicanimata e viene premiato al Meeting delle Etichette Indipendenti 2006 come miglior videoclip di animazione dell'anno oltre ad essere trasmesso dalle principali Tv musicali e non (BLOB di RAI3 – TG2 RAI ). Nel marzo 2007 il brano "I compiti di francese" è addirittura 4° nella classifica INDIE LIKE delle radio indipendenti nazionali. Ma la "vera sopresa" arriva nell'agosto 2007. Il videoclip "Mondocellofan" entra con forza nelle Playlist delle maggiori Tv satellitari nazionali, con continui passaggi anche nella programmazione diurna di MTV e ALL MUSIC diventando, di fatto, uno dei nuovi casi della musica italiana.  

Lo Spettacolo: Per il nuovo Tour invernale gli AlibìA presentano uno spettacolo del tutto rinnovato, generazionale ed emozionante, in bilico tra musica d'autore (a 2 voci e 2 sessi), rock  e sperimentazione sonora. Metri di tulle trasparente e lampade rosse a riscaldare l'inverno 2007.
www.alibia.it
www.myspace.com/alibia

 

AMMUINA
Il baco che si fa farfalla

Definiti da qualcuno come i precursori di un nuovo genere musicale (il post-pop), gli Ammuina giocano con l'eleganza fatta di piccole e semplici cose. Debuttanti nel giugno 2006 con l'album Tutto Lo Splendore di Un Respiro (Tomato/CNI/Venus), la critica li ha definiti "intensi, poetici, evocativi, struggenti", il pubblico gli ha conferito ulteriore incoraggiamento con un numero di copie già vendute ben sopra ogni più lucente aspettativa, il settore lo ha definitivamente consegnato all'albo dei dischi più interessanti del momento (in FNAC il disco ha meritato il bollino "Colpo di Fulmine" nonché la costante presenza in colonnina d'ascolto ed in filodiffusione).
Già nelle playlist di quasi 100 radio nazionali, il disco sta per essere rilanciato in ottobre dalla pubblicazione del video del brano Un Sogno Nuovo e da un ep digitale contentente un nuovo singolo e due cover.

Lo Spettacolo: Gli Ammuina mettono in piedi un live-set etereo ed altamente emozionale, spaziando per atmosfere ed intensità attraverso la peculiarità dei propri suoni e dei propri arrangiamenti. E' il baco che si fa farfalla, l'esaltazione dei piccoli elementi che diventano lirismo e coralità.
www.ammuina.com
www.myspace.com/ammuina

 

ANDREA CHIMENTI
Sguardo in avanti, cuore in retromarcia
Dal 1983 al 1989, Andrea Chimenti è il cantante dei MODA, uno dei gruppi capostipiti del rock italiano, insieme a Litfiba e Diaframma.
La sua carriera solista inizia ufficialmente nel 1992 con la pubblicazione dell'album La Maschera Del Corvo Nero, realizzato in collaborazione con Francesco Magnelli e Gianni Maroccolo. Il 1996 è l'anno de L'Albero Pazzo, seconda opera solista di Chimenti, che si lascia ricordare anche per la presenza di David Sylvian che scrive e canta con Andrea nel brano Ti Ho Aspettato (I Have Waited For You). Nello stesso anno, canta il brano Black Hole nel film di Carlo Verdone, Sono pazzo di Iris Blond. Il passo per il teatro è breve: nel 2000 debutta con il Porto Sepolto, spettacolo di canto, musica e letteratura, il cui cd omonimo verrà rilasciato due anni dopo ed all'interno del quale Andrea musica e canta alcune poesie di Ungaretti.
Ad ottobre del 2004 esce l'album Vietato Morire che fa registrare le collaborazioni con Steve Jansen, Patrizia Laquidara, Gianni Maroccolo, Alessandro Fiori dei Mariposa e molti altri. Attualmente in lavorazione al nuovo cd – la cui uscita è prevista per la primavera del 2008 – Andrea Chimenti ha portato in giro negli ultimi mesi lo spettacolo Il Deserto dei Tartari, di Dino Buzzati.

Lo Spettacolo: Per la stagione 2007-2008 Andrea Chimenti decide di viaggiare con uno sguardo in avanti ed uno nello specchietto retrovisore. Tre chitarre, pianoforte e trombone per rivivere tutto il suo cammino passato e anticipare quello che accadrà. Il tutto in uno spettacolo dall'alto impatto emotivo in cui la luce si preannuncia densa di promesse.
www.andreachimenti.it
www.myspace.com/andreachimenti

 

da'namaste
Mutevoli obliquità
Un unico suono compresso, sfuggente, laterale, quello dei da'namaste, che giocano con  forme e volumi come artigiani della materia musicale, proponendo una ricerca sonora non comune. Nel 2003, con Priva di rilievo, sorprendono pubblico e critici che li definiscono la speranza della musica italiana ed è sempre più nutrita la schiera dei loro fan in attesa della nuova prova discografica.

Il Disco: IN2I è l'attesissimo secondo lavoro della band vedrà la luce durante il prossimo inverno (Tomato/CNI/Venus), unitamente al videoclip dalle chiare tinte noir del brano Come ora. Riflessione e introspezione: 11 brani, un viaggio metaforico nel passato, personale e sociale, e uno stato d'attesa e di sogno delle cose future, musica elettrica e poesia, pulsioni ritmiche e forza lirica.

Lo Spettacolo: concerti carichi di energia, di effetti chitarristici coinvolgenti. Musica obliqua, emotiva elettricità e suggestiva dilatazione melodica. Il quartetto modella il proprio live-set intorno agli intrecci strumentali e a dilaniate atmosfere che rapiscono l'ascoltatore lasciandolo sospeso tra un' immaginaria irrequietezza e una lacerante intimità.
www.danamaste.it
www.myspace.com/privadirilievo

 

N.A.N.O.
Emozionali viaggi di ritorno
Il n.a.n.o. è il nuovo progetto di Emanuele La Piana, già voce e chitarra dei C|O|D.
E questa è, forse, l'unica notizia.
Il resto è voglia di scoperta.
Curiosità di osservare questa piccola cosa fare capolino dal buco ben levigato che i C|O|D negli anni passati hanno saputo scavare nel cuore di tanta gente. Desiderio di conoscerne la provenienza, i natali, le ansie, i sogni ed i virus influenzali. Senza pregiudizi e con pazienza. E se "la fine di qualcosa è l'inizio di qualcos'altro", allora è chiaro come il n.a.n.o. e i c|o|d non siano altro che figli diversi della stessa madre.
Il Disco: Mondo|madre parla del mondo visto dagli occhi di un figlio divenuto padre e di quanto il mondo, ad ogni latitudine da egli conosciuta, sia comunque sorretto dalle gracili e splendide spalle del genere femminile.

Lo Spettacolo: Situazioni rognose, ma splendidamente istruttive: questa è la base.
Voce, chitarre, synth, laptop, pianoforte, percussioni sono il cardine di tutto il resto: occhi|naso|bocca. Ma anche mani|corpo|mente. Sensibilità e tensione. Amore e movimento.
www.ilnano.it
www.myspace.com/ilnano

 

PLANET BRAIN
Un compromettente ballo in maschera
Maschere e compromessi. Come dire ordine e caos, ovvero poli opposti tra cui bilanciare le proprie scelte. E' intorno a questi due concetti fondamentali che i Planet Brain fanno ruotare le tematiche del proprio disco d'esordio. Lo fanno con le liriche in lingua inglese – che tracciano un immaginario filo rosso lungo le dieci tracce di Compromises & Carnivals –  ma anche con le proprie sonorità che incanalano l'attitudine all'improvvisazione ed una innata tendenza all'emozionale in un rock di solida matrice anglosassone. Già definito dalla critica "maturo, compatto, emozionale, immaginifico", Compromises & Carnivals – distribuito in Italia da Goodfellas dallo scorso 14 maggio – è pronto per essere pubblicato in Inghilterra il prossimo autunno.

Lo Spettacolo: Un live-set sincero e viscerale in cui si condensano fragilità e rabbia, emozionante nel suo tendere al lirismo, sorprendente per maturità e compatto nella sua essenza fortemente omogenea. Chitarrabassobatteria e una pioggia di emozioni. E questo basta.
www.planetbrain.it
www.myspace.com/planetbrain

Condividi.