Conclusa la 25esima edizione di AstiMusica

Riceviamo e pubblichiamo.

Anche quest'anno la Piazza della Cattedrale di Asti è stata la suggestiva cornice di Astimusica, giunto alla 12 ^ edizione, uno dei festival musicali più importanti d'Italia per durata (si è aperto il 6 luglio e si è chiuso lo scorso 23 luglio), qualità delle proposte artistiche (avendo ospitato grandi artisti come Patti Smith, Daniele Silvestri, Tiromancino, Giovanni Allevi, gli Asia, Massimo Ranieri, Giovanni Lindo Ferretti e altri artisti) e l'unico organizzato interamente da un Comune.

 

È l'Assessore alle Manifestazioni del Comune di Asti Maurizio Rasero a tracciare un primo bilancio: "Un bilancio positivo, che rende Astimusica uno dei punti fermi dell'estate astigiana e che sa coinvolgere pubblici diversi a seconda della tipologia dei concerti. Questo è un elemento su cui riflettere e assolutamente valorizzare per le edizioni future. La lieve flessione di pubblico nei concerti a pagamento, problema più generale su cui stanno ragionando a livello nazionale tutti gli organizzatori di festival e di rassegne, è un altro spunto di riflessione su cui ci confronteremo per costruire la prossima edizione di Astimusica".
"Astimusica si chiude sicuramente con delle certezze". – afferma il direttore artistico della rassegna Massimo Cotto, – "Innanzitutto che il Festival è amato dalla città e apprezzato sicuramente nel resto d' Italia, viste le presenze non solo degli astigiani, ma di sempre più numerosi forestieri. Poi siamo ancora una volta riusciti nell' impresa, fino a poco tempo fa impensabile, di portare sul nostro palco una leggenda della musica come Patti Smith, come coronamento di un cartellone che, allestito con un budget limitato ha diffuso le più svariate note ed ha visto alternarsi artisti di altissimo livello".

Le presenze stimate per questa dodicesima edizione di Astimusica sono circa 25.000: oltre 6.000 gli afflussi nei 6 concerti a pagamento (Silvestri, Allevi, Smith, Ranieri, Tiromancino, Asia) e quasi 20.000 le persone transitate nei 15 spettacoli gratuiti. Astimusica ha introddo quest'anno una importante novità: per la prima volta i biglietti dei concerti a pagamento, se acquistati in prevendita, avevano una riduzione del prezzo di 2 euro (mentre normalmente in prevendita i biglietti dei concerti subiscono un aumento del prezzo). Unico rammarico la defezione di Loredana Bertè, che si sarebbe dovuta esibire lo scorso 21 luglio ad Asti per la prima data della sua tournèe, anche se ciò ha portato la città e il suo festival su tutti i giornali e le tv d'Italia per il forfait della cantante. Nel cartellone di questa 12ma edizione grandi artisti internazionali come la sacerdotessa del rock Patti Smith, la reunione dello storico gruppo degli Asia (formato da Geoff Downes – tastiere e voci, ex Yes e Buggles, John Wetton – basso e voce solista, ex King Crimson e UK, Carl Palmer – batteria, ex Emerson Lake and Palmer, e Steve Howe – chitarra e voci, ex Yes), senza dimenticare i grandi della musica italiana come Daniele Silvestri,  il compositore e pianista Giovanni Allevi, i  Tiromancino, Massimo Ranieri, Giovanni Lindo Ferretti, Riccardo Sinigallia, Gianni Maroccolo e Ivana Gatti, ma anche emergenti come Maria Pierantoni Giua, Barbara Cavaleri, Momo e Marco Notari.

Condividi.