Goa-Boa Festival

Si tratta della nona edizione del festival, punto di riferimento per gli amanti della musica in Liguria e tra i principali eventi dell'estate musicale italiana. 
   
Ecco il cast aggiornato ad oggi:
Giovedì 6 ::: CARMEN CONSOLI; LOU RHODES; AMARI and more
Venerdì 7::: GEORGE CLINTON & PARLIAMENT/FUNKADELIC; MONDO MARCIO; CLUB DOGO; FABRI FIBRA; FREE HOLE NEGRO UOCHI TOKI and more
Sabato 8::: LAURIE ANDERSON (unica data italiana); ELLEN ALLIEN  + APPARAT (prima volta in italia); MORGAN; KRAKATOA; MEGANOIDI BIOGORA and more
Domenica 9 :::: Finale Mondiale Germania '06 + CAPAREZZA
Goa-Boa Festival @ Acciaierie Ilva – Genova ::: 6/9 Luglio ::: www.goaboa.net

E’ tutto pronto per la nona edizione del GOA-BOA Festival, “la più grande festa della musica in Liguria” ma anche uno dei festival estivi tra i più importanti dell’estate italiana, 3 giorni di concerti in una nuova location (come da tradizione per GB) e 3 giornate con ottimi artisti di livello nazionale e internazionale.
Goa-Boa Festival infatti si terrà alle ex Acciaierie ILVA di Conigliano, una grandissima area industriale (300 mila mtq) che verrà completamente riqualificata e recuperata, dando così un nuovo “futuro” ad una delle “industrial zone” più chiacchierate d’Italia.
Proprio in occasione di questo inizio di cambiamento, GOA-BOA Festival ha deciso di tenere la 3 giorni di musica all’ombra degli imponenti gasometri delle Ex-Acciaierie, una scelta che comunque si inserisce all’interno di altre iniziative culturali (Mutazione: uomini, fabbriche, territori) volute da Provincia di Genova, Comune di Genova e Regione Liguria.

Una tre giorni con 2 headliner tutte al femminile, Carmen Consoli per il primo giorno (giovedì 6) con il suo nuovo spettacolo estivo, Laurie Anderson l’ultimo (sabato 8) con l’unica data nazionale e la prima del suo nuovo spettacolo “”Songs and Stories”, in mezzo, la seconda giornata, interamente dedicata alle sonorità urban e hip hop, GOA-BOA è l’unico festival italiano a destinare una giornata intera del programma a questo genere musicale, e lo farà con i migliori artisti italiani e uno dei padrini di queste sonorità: George Clinton, che sarà l’headliner di venerdì 7.
Come sempre quindi il bill del GOA-BOA è incredibilmente vario, di seguito, giorno per giorno, gli artisti in scaletta.
Ad inaugurare, giovedì 6, il palco all’ombra dei gasometri ci penseranno gli En Roco, band genovese giovane dall’indie rock/pop decisamente interessante e senza “additivi” digitali, a seguire sarà il turno degli Amari, altra rock band che negli ultimi anni sta facendo molto bene. Attenzione poi ai neyorkesi We Are Scientist, da molti definiti la vera next big things della musica indie(per quanto possa valere sono accostati a Kaiser Chiefs e Maximo Park).
E poi ancora il chitarrista Sebastien Martel, messicano ottimo conoscitore di musica, autore di un disco con bolero, suoni caraibici e molto altro…
A seguire Lou Rhodes, voce degli indimenticati Lamb, autrice di un disco molto soft e poco elettronico. In chiusura, la regina della serata, Carmen Consoli, assente dal GB 2002, torna al festival con il nuovo lavoro “Eva contro Eva”.

Venerdì 7 invece è strickly hip hop: si aprirà con le contaminazioni e divagazioni indie di Uochi Toki, si proseguirà con il rap caraibico dei Frre Hole Negro, si passerà poi ai romani Cor Veleno, gruppo da anni tra i “re” della scena italiana, poi ancora il terzetto Mondo Marcio, Fabri Fibra e Club Dogo, 3 gruppi che per motivi diversi si sono imposti all’attenzione di tanti (sia in termini di classifica, che di critica, che di presenza on stage), in chiusura l’annunciato set del padrino del funk George Clinton e della sua Parliament Funkadelic Orchestra composta da ben 35 elementi! George Clinton può essere considerato uno dei musicisti più “campionati” della storia, non a caso per producer e djs è un vero mito!

Sabato 8 invece divertimento e movimento sono assicurati dal rock di Biogora e Meganoidi, dal rock ‘n’ roll proveniente dall’east end londinese dei The Cazals, dall’indie dei Disco Drive, italianissimi e già apprezzati in Europa; poi una doppietta tutta danzereccia, il duo Pisti e Samuel per il viaggio musicale con i Krakatoa e la rivelazione dell’elettronica europea di quest’anno: Ellen Allien & Apparat, ovvero due dei pesi massimi della musica elettronica contemporanea in un progetto tra minimal techno e ambient. Per finire, come detto, la prima e unica data italiana di Laurie Anderson, una artista con la A maiuscola, negli anni ha intrattenuto migliaia di persone con i suoi spettacoli multimediali, quello che presenterà a Genova si chiamerà “Songs and Stories”.

Condividi.