Il nuovo album di Mina esce il 21 settembre


Riceviamo e pubblichiamo.

Mina e l'America Latina, le sue lingue, le sue canzoni, si frequentano da tempi non sospetti. E a confermare l'intensità di questa frequentazione è la constatazione che la maggior parte delle canzoni che Mina ha inciso in una lingua diversa dall'italiano sono, appunto, quelle cantate in spagnolo: la cifra complessiva supera i cento titoli.
Non ci sarebbe dunque da stupirsi del fatto che nel mondo latino (Spagna e Sudamerica, ma anche California e Florida) Mina sia molto presente nella considerazione del pubblico; quello che semmai stupisce, e con ragione, è che questo fenomeno (già sorprendente se si considera che da moltissimo tempo Mina non partecipa del gioco mediatico) si è andato consolidando ed accentuando negli ultimi anni. Sono in costante aumento i siti Internet a lei dedicati, sono numerose le giovani cantanti che rieseguono i brani del suo repertorio, sulle sue canzoni è stato persino costruito un musical di grande successo ("Mina… che cosa sei?!", di Valeria Ambrosio ed Elena Roger), passato anche dall'Italia l'anno scorso dopo tre anni di repliche a Buenos Aires. Ed è ben nota la passione per Mina di Pedro Almodóvar, che spesso ne ha incluso le canzoni nelle colonne sonore dei suoi film.

Nel mondo latino c'è fermento, per Mina. E la risposta è "Todavia". Il disco nasce con l'intento di realizzare un album di canzoni relativamente recenti del repertorio di Mina – degli ultimi 15 anni, suppergiù – quasi tutte riarrangiate e risuonate e tutte (ovviamente) ricantate. Poi il progetto del disco si è arricchito di tre "classici" e di alcuni duetti – due dei quali per canzoni che Mina non aveva mai registrato prima d'ora. In questa nuova avventura Mina ha chiamato alcuni compagni di viaggio: artisti di valore, gente che quelle lingue e quel pubblico le conosce bene, gente che da quel pubblico è amata, stimata, apprezzata. E non c'è da meravigliarsi che gli interpreti maschili che in "Todavia" duettano con Mina abbiano accettato senza riserve e senza indugi la proposta di unire le loro voci a quella di lei: Mina è l'artista italiana più riconosciuta – per classe, talento e carisma – non solo dal pubblico, ma anche dagli artisti della musica internazionale. Né c'è da meravigliarsi se, dal punto di vista delle atmosfere sonore e degli arrangiamenti, "Todavia" non è un disco "latineggiante": né intendeva esserlo. L'album vuole invece dare una testimonianza dell'artista Mina così com'è oggi, "riflessa" in lingua diversa dall'italiano (da qui l'idea della copertina di Mauro Balletti, in cui Mina compare allo specchio ma con gli occhi di colore diverso) ma sempre a modo suo, fedele al proprio stile e alla propria cifra espressiva.

"Todavia", in uscita in Spagna e America Latina, viene pubblicato anche in Italia, con la medesima tracklist e con minime differenze di packaging: per accontentare non solo i fan di casa nostra, ma anche quanti vogliano riascoltare – uguali ma diverse – alcune delle canzoni di Mina con parole (quasi tutte scritte da Mila Ortiz e da Lele Cerri) dal suono e dalla musicalità differenti da quelle con le quali hanno finora ascoltato certe canzoni. E Mina raramente rifà le proprie canzoni: un motivo supplementare di interesse per questo album inusuale, ma indubitabilmente coerente con la storia e le storie di Mina – e che potrebbe, chissà, costituire un precedente significativo. Nunca digas nunca…

MINA – "TODAVIA"
1. GRANDE AMOR
(Giulia Fasolino) Adaptación al español: Samuele Cerri
Arreglos, programación y teclados: Nicolò Fragile – Programación adicional: Nicola Fanari
Batería: Lele Melotti – Bajo: Lorenzo Poli – Guitarras: Luca Meneghello –
Técnico de grabación: Davide Pagano – Baterías grabadas por Carlo Miori –
Grabación voz y mezcla: Celeste Frigo
 

2. VUELA POR MI VIDA
(Alberto Testa – Manrico Mologni, Gualtiero Malgoni) Adaptación al español: Mila Ortiz
Arreglos, programación y teclados: Nicolò Fragile – Programación adicional: Nicola Fanari
Batería: Lele Melotti – Bajo: Lorenzo Poli – Guitarras: Luca Meneghello
Coros: Giulia Fasolino, Stefania Martin, Massimiliano Pani
Técnico de grabación: Davide Pagano – Baterías grabadas por Carlo Miori
Grabación voz y mezcla: Celeste Frigo
 

3. UN AÑO DE AMOR
(M. Ferrer – G. Verlor) Adaptación al español: Pedro Almodóvar 
DÚO CON DIEGO "EL CIGALA"
Piano: Jaime Calabuch Asensio – Cajón: Yelsy Heredia Figueras – Bajo: Sabú Juárez Escobar
Guitarra: Diego Moreno Jiménez – Técnico de grabación: Álvaro Mata García – Mezcla: Ignazio Morviducci
 

4. LLÉVATE AHORA
(Stefano Borgia) Adaptación al español: Mila Ortiz 
Arreglos: Massimiliano Pani – Programación: Roberto Vernetti
Programación adicional y teclados: Nicolò Fragile
Bajo: Faso – Guitarras: Luca Meneghello – Coros: Giulia Fasolino, Stefania Martin, Massimiliano Pani
Voz grabada por Celeste Frigo – Guitarras grabadas por Carmine Di – Bajo grabado por Davide Pagano
Técnico de grabación y mezcla: Ignazio Morviducci
 

5. CUESTIÓN DE FEELING
(Mogol – Riccardo Cocciante) Adaptación al español: Luis Gómez-Escolar –
DÚO CON TIZIANO FERRO
Arreglos: Massimiliano Pani – Programación y teclados: Ugo Bongianni – Batería: Lele Melotti
Bajo: Lorenzo Poli – Guitarras: Luca Meneghello – Coros: Giulia Fasolino, Stefania Martin, Massimiliano Pani
Cuerdas escritas y dirigidas por Gabriele Comeglio – Técnico de grabación: Davide Pagano
Baterías grabadas por Carlo Miori – Voces grabadas por Ignazio Morviducci, Giuseppe Salvadori y Celeste Frigo
Cuerdas grabadas por Gabriele Kamm – Mezcla: Celeste Frigo
 

6. CORAZÓN FELINO
(Stefano Cenci – Paolo Audino) Adaptación al español: Mila Ortiz
DÚO CON DIEGO TORRES
Arreglos: Massimiliano Pani y Nicolò Fragile – Programación teclados: Nicolò Fragile
Programación adicional: Nicola Fanari
Batería: Lele Melotti – Bajo: Lorenzo Poli – Guitarras: Luca Meneghello
Coros: Giulia Fasolino, Stefania Martin, Massimiliano Pani – Técnico de grabación: Davide Pagano
Baterías grabadas por Carlo Miori – Voz y mezcla: Celeste Frigo
 

7. UVAS MADURAS
(Adelmo Fornaciari – Matteo Saggese, Mino Vergnaghi) Adaptación al español: Mila Ortiz
Arreglos, programación y teclados: Massimiliano Pani y Nicolò Fragile – Batería: Alfredo Golino
Guitarras: Giorgio Cocilovo – Hammond: Nicolò Fragile
Coros: Giulia Fasolino, Stefania Martin, Massimiliano Pani
Técnico de grabación y mezcla: Ignazio Morviducci – Voz grabada por Celeste Frigo
 

8.VALSINHA
(Vinicius de Moraes – Chico Buarque)
DÚO CON CHICO BUARQUE
Arreglos y dirección de orquesta: Gianni Ferrio – Violín primero: Anthony Flint
Violines: Fabio Arnaboldi, Mala Arnaboldi – Valbona, Gabriele Baffero, Christa Bohny, Barbara Cinnamea, Anna Francesio, Duilio Galfetti, Gao Chun He, Anthony Gjezi, Susanne Holm, Carlo Lazzaroni, Martina Mazzon, Alessandro Milani, Petja Nikiforoff, Yoko Paetsch, Irina Roukavitsina, Cristina Tavazzi, Keiko Yamaguchi, Mikako Yamashita, Walter Zagato
Violas: Gustavo Fioravanti, Nathalie Gazelle, Giampaolo Guatteri, Antonio Leofreddi, Matthias Müller, Aurelie Sauvêtre
Cellos: Johann Paetsch, Ivaylo Deskalov, Marco Decimo, Jennifer Flint, Felix Vogelsang, Taisuke Yamashita
Contrabajo: Paolo Badini, Enrico Fagone, Ermanno Ferrari, Massimo Moriconi – Técnico de grabación: Gabriele Kamm
Asistente a la grabación: Paolo Demartini – Grabación voz y mezcla: Celeste Frigo
 

9. NIEVE
(Audio 2: Giovanni Donzelli, Vincenzo Leomporro) Adaptación al español: Mila Ortiz
Arreglos, programación y teclados: Nicolò Fragile – Programación adicional: Nicola Fanari – Batería: Lele Melotti
Bajo: Lorenzo Poli – Guitarras: Luca Meneghello – Coros: Giulia Fasolino, Stefania Martin, Massimiliano Pani
Saxo soprano: Gabriele Comeglio – Técnico de grabación: Davide Pagano – Baterías grabadas por Carlo Miori
Grabación saxo: Ignazio Morviducci – Grabación voz y mezcla: Celeste Frigo
 

10. AGUA Y SAL
(Audio 2: Giovanni Donzelli, Vincenzo Leomporro) Adaptación al español: Samuele Cerri
DÚO CON MIGUEL BOSÉ
Arreglos: Massimiliano Pani y Nicolò Fragile – Programación teclados: Nicolò Fragile
Programación adicional: Nicola Fanari – Batería: Lele Melotti – Bajo: Lorenzo Poli – Guitarras: Luca Meneghello
Coros: Giulia Fasolino, Stefania Martin, Massimiliano Pani – Técnico de grabación: Davide Pagano
Baterías grabadas por Carlo Miori – Grabación voz Mina: Celeste Frigo
Grabación voz Miguel Bosé: Fernando Orti – Mezcla: Ignazio Morviducci
 

11. NO SÉ SI ERES TÚ
(Valentino Alfano – Piero Cassano, Massimiliano Pani) Adaptación al español: Mila Ortiz
Arreglo y programación: Massimiliano Pani y Nicolò Fragile – Teclados: Nicolò Fragile
Guitarras: Luca Meneghello – Bajo: Faso – Coros: Giulia Fasolino, Stefania Martin, Massimiliano Pani
Técnico de grabación y mezcla: Ignazio Morviducci – Voz grabada por Celeste Frigo
Guitarras, coros y bajo grabados por Davide Pagano
 

12. PAROLE PAROLE
(L. Chiosso – G. Del Re – G. Ferrio) Adaptación al español: A. Guijarro – A. Alpin
DÚO CON JAVIER ZANETTI
Arreglos rítmicos: Massimiliano Pani y Nicolò Fragile – Arreglo de cuerdas y flautas: Gianni Ferrio
Dirección de orquesta y flautas: Gabriele Comeglio – Teclados: Nicolò Fragile y Nicola Fanari
Bajo: Lorenzo Poli – Guitarras: Luca Meneghello – Técnico de grabación: Davide Pagano
Baterías grabadas por Carlo Miori – Cuerdas y flautas grabadas por Gabriele Kamm
Grabación voz Mina y mezcla: Celeste Frigo
Grabación voz Javier Zanetti: Davide Pagano y Giuseppe Salvatori
 

13. SIN PIEDAD
(Joan Manuel Serrat)
DÚO CON JOAN MANUEL SERRAT
Arreglos, programación y teclados: Ugo Bongianni
Batería: Lele Melotti – Bajo: Lorenzo Poli – Guitarras: Luca Meneghello – Baterías grabadas por Carlo Miori
Grabación voz Mina: Celeste Frigo – Grabación voz Joan Manuel Serrat: Francisco Javier Ramírez
Técnico de grabación y mezcla: Celeste Frigo
 

14. ¿CÓMO ESTÁS?
(Giorgio Calabrese, Massimiliano Pani, Claudia Ferrandi – Massimiliano Pani)
Adaptación al español: Samuele Cerri –
Arreglo: Massimiliano Pani – Programación y teclados: Ugo Bongianni – Batería: Lele Melotti
Bajo: Lorenzo Poli – Guitarras: Luca Meneghello – Coros: Giulia Fasolino, Stefania Martin, Massimiliano Pani
Técnico de grabación: Davide Pagano – Baterías grabadas por Carlo Miori
Grabación voz y mezcla: Celeste Frigo

* Le canzoni: da dove vengono
Grande amor (Grande amore): da "Olio", 1999
Vuela por mi vida (Volami nel cuore): da Cremona", 1996
Un año de amor (Un anno d'amore): da "Studio Uno", 1965
Llevate ahora (Portati via): da "Bula Bula", 2005
Cuestion de feeling (Questione di feeling): da "Finalmente ho conosciuto il Conte Dracula", 1985
Corazon felino (Brivido felino): da "Mina Celentano", 1998
Uvas maduras (Succhiando l'uva) da "Veleno", 2002
Nieve (Neve): da "Sorelle Lumière", 1992
Agua y sal (Acqua e sale): da Mina Celentano, 1998
No se si eres tu (Sei o non sei). da "Bula Bula", 2005
Parole parole (Parole parole): da "Cinquemilaquarantatrè", 1972
Como estas? (Come stai?): da "Sorelle Lumière", 1992

Tranne Llévate Ahora, Uvas Maduras e No sé si eres tu, tutti i brani sono stati riarrangiati e risuonati.

* I due inediti.
Valsinha. Scelta da Chico Buarque de Hollanda, che la canta con Mina.
Di "Valsinha", scritta nel 1971 da Vinicius de Moraes, esiste un testo italiano firmato da Sergio Bardotti.

Mina ha cantato per la prima volta una canzone di Chico Buarque nel 1967: era "La banda", versione italiana, su testo di Antonio Amurri, di "A banda". Poi il brano, cantato in lingua originale da Mina, è stato pubblicato in "Mina canta o Brasil", 1970. Altre canzoni di Chico Buarque de Hollanda incise da Mina sono "C'è più samba" (sia nella versione italiana, con testo di Bruno Lauzi "nascosto" sotto lo pseudonimo di Playboy, inclusa in "Mina alla Bussola dal vivo", 1968, sia nella versione in lingua originale, "Tem mais samba", inclusa in "Mina canta o Brasil", 1970); "Com açucar com afeto" (due esecuzioni diverse, entrambe in lingua originale, incluse rispettivamente in "Bugiardo più che mai… più incosciente che mai…, 1969, e in "Mina canta o Brasil", 1970); "Que serà", dal film del 1976 "Dona Flor e i suoi due mariti", inclusa in "Italiana vol. 1", 1982; "Ma chi è cosa fa" (testo italiano, di Giorgio Calabrese, di "Partido alto" – lo stesso Calabrese ne aveva in precedenza firmata un'altra versione intitolata "Canto di ringraziamento"), inclusa in "Ti conosco mascherina", 1990; e "Joana Francesa", inclusa in "Lochness", 1993.
 
 
Sin piedad. Scelta da Joan Manuel Serrat, che l'ha scritta nel 2002 e in "Todavia" la canta con Mina.

Di Serrat, Mina aveva già cantato "Bugiardo e incosciente" (in "Bugiardo più che mai…più incosciente che mai…", 1969: testo italiano di Paolo Limiti di "La tieta"), "Ballata d'autunno" (testo italiano, ancora di Limiti, di "Balada de otono"), inclusa in "Altro 1+1". 1972) e "Ahi mi' amor" (testo italiano, sempre di Limiti, di "Romance de Curro El Palmo), inclusa in "Mina 25 vol. 2", 1983.

* Gli altri duettanti.
Miguel Bosè ("Agua y sal"). Le strade del figlio di Lucia Bosè e del torero spagnolo Luis Miguel Dominguin, e figlioccio di Pablo Picasso (a proposito, c'è un omaggio a Picasso nelle immagini del libretto di "Todavia"…) si sono già incrociate in passato. In "Tacchi a spillo", il film di Pedro Almodóvar del 1991, Miguel Bosè en travesti mima in playback "Un año de amor", nell'esecuzione di Luz Casal con testo firmato dallo stesso Almodóvar. Qualche anno fa si era ipotizzato un duetto Mina-Bosè (poi non realizzato) per la canzone "Hoy". "Agua y sal" è stata inclusa anche in "Papito", l'ultimo album di Bosè.

Diego "El Cigala" ("Un año de amor"). Diego Jiménez Salazar, nato a Madrid 1968 in una famiglia di artisti, ha cominciato giovanissimo a cantare sotto la guida di Camaron de la Isla, il maestro assoluto del duende. Ribattezzato El Cigala dal suo maestro, ha inciso il suo primo disco nel 1994, ha fuso flamenco e bolero in un album con Bebo Valdés, ed è oggi considerato uno dei maggiori interpreti del flamenco tradizionale.

Tiziano Ferro ("Cuestión de feeling"). E' stato proposto come duettante dai messicani, nel cui Paese il cantante italiano gode di una enorme popolarità. Il testo interpretato da Tiziano con Mina è lo stesso della versione in spagnolo di "Questione di feeling" realizzata da Riccardo Cocciante con Melissa nel 1986, ed è stato firmato da L. Gómez Escolar.

Diego Torres ("Corazón felino"). Diego Antonio Caccia Torres, nato a Buenos Aires nel 1971, è figlio della popolare cantante argentina Lolita Torres. Ha debuttato discograficamente da solista nel 1992, e nel 1994, con "Tratar de Estar Mejor" ha conquistato una vastissima popolarità; anche attore, ha esordito al cinema con "La furia", diretto da Juan Bautista Stagnaro nel 1997.

Javier Zanetti ("Parole parole"). Il calciatore argentino, amatissimo in patria quanto in Italia, è l'inatteso partner di Mina nella rilettura del grande classico che nel 1964 Mina incise con Alberto Lupo. Il testo del loro duetto in "Todavia" è quello di "Palabras, palabras" (di A. Guijarro – A. Alpin) cantato da Carmen Sevilla e Francisco Rabal nel 1973, non quello della recente reincisione del duo Pimpinela (2004).
 

* A proposito…
Fra le canzoni di "Todavia", soltanto di "Un anno d'amore" Mina aveva già inciso a suo tempo una versione spagnola. Avvenne nel 1965, e il disco uscì solo nel mercato sudamericano (in un secondo tempo venne distribuito anche in Spagna, dove la canzone era stata inizialmente commercializzata in versione originale italiana). Il testo del duetto con Diego "El Cigala" incluso in "Todavia" non è, però, quello cantato da Mina in "Un año de amor" versione 1965, ma quello rielaborato da Pedro Almodóvar per Luz Casal (vedi alla voce "Miguel Bosé").

"Ho duettato con Mina!"
Miguel Bosè:
"Penso di amare Mina da quando ho l'uso della ragione e per di più ciecamente, in modo incondizionato. Parlare delle sue doti vocali è superfluo, tutti noi le conosciamo bene. Ma al di là della sua voce unica, eccezionale, che ha osato ogni cosa, dal pop al jazz, dalle ballate alla dance, Mina è stata per le donne il simbolo di una rivoluzione generale. Audace, trasgressiva, potente, coraggiosa, sfacciata, innovatrice, capricciosa, radicale… sono solo alcuni degli aggettivi coi quali potrei definirla. E' stata, tra le altre cose, la prima a depilarsi le sopracciglia, a truccarsi in stile circense, a cantare storpiando l'italiano. Lei continua ad essere, in assoluto, "la grande diva" e temo anche l'ultima della sua specie. E ovviamente quando "l'imperatrice" mi ha invitato a cantare insieme a lei, sono accorso immediatamente, come farebbe un servo, perché un tale onore lei lo riserva solo ad alcuni, molto pochi, e lo concede molto raramente. Grazie Mina, forse un giorno capirai…"

Tiziano Ferro :
"Conoscere Mina credo sia una delle aspirazioni massime di ogni amante della musica italiana, collaborare con lei un'esperienza unica ed altamente formativa. Sono onorato abbia pensato anche a me all'interno di un progetto importante di grande respiro internazionale. "Questione di feeling" è uno dei brani che preferisco del repertorio di Mina, ho avuto la fortuna di poterlo scegliere liberamente. Il primo ostacolo mentale da superare è stata l'idea di donare un'impronta tutta mia al brano, senza temere il confronto con la storica interpretazione di Cocciante. La registrazione è stata veloce e toccante, un'esperienza memorabile."

Javier Zanetti:
 "Mai avrei pensato di essere parte di un progetto cosi importante.  Sono un appassionato di musica ed essere presente con i migliori per me significa realizzare un sogno. E' troppo.  Mi sento un privilegiato…"

Condividi.