Il ritorno di Michael Jackson


Non poteva che essere lunga, travagliata e colma d'incertezza la preparazione di Michael Jackson per il suo ritorno alle scene.
Un ritorno al completo, poichè è previsto sia un album in studio che un tour mondiale, che i suoi numerosissimi fan (numerosissimi sul serio) attendono ormai da molto, troppo tempo.

L'ultimo album in studio è stato "Invincible" del 2001 e l'ultimo tour risale al 1997.
Gli anni successivi sono stati caratterizzanti dal suo imbarazzante deperimento fisico, dalle infamanti accuse di pedofilia, da un processo lungo e seguitissimo infine vinto, da enormi debiti e dalla necessità di smantellare il suo "parco giochi-casa-mondo" Neverland.

Al momento, riguardo l'album di inediti, è stato detto che dovrebbe uscire entro la fine del 2007, anche se è difficile escludere degli slittamenti. Si sa per certo che Michael Jackson ha cominciato a scrivere alcuni brani e a lavorare in studio di registrazione insieme a Will.I.Am dei Black Eyed Peas, nella sua casa irlandese, dove ha vissuto per gran parte dell'anno 2006.

In seguito a queste prime notizie certe, ne sono conseguite moltissime altre, poi subito smentite, una su tutte quella che vedeva Jackson accompagnato nel suo prossimo tour dai suoi fratelli in una storica quanto improbabile reunion dei Jackson5.

Adesso Michael è andato via dall'Irlanda ed è ritornato a Las Vegas dove continua a lavorare insieme al coreografo Kenny Ortega, suo amico fidato, in vista della preparazione del tour mondiale o di qualche videoclip.

Secondo indiscrezioni i tre produttori dell'album saranno Rodney Jerkins, Will.I.Am e Ron "Neff U" Feemster e presto (forse il prossimo 10 Giugno) partirà dal Luxor di Las Vegas il tour mondiale denominato "Live Forever" durante il quale Jackson canterà anche alcuni brani inediti.
Per celebrare lo storico evento verrà costruita, a quanto pare, una statua-robot con la fattezze del Re del Pop, alta 15 metri e capace di emettere raggi laser, che verrà posta presso una delle strade che portano a Las Vegas.

Ora in moltissimi si attendono da questo album e da questo tour un canto del cigno degno di questo Mito vivente. Un addio, forse, da parte di uno dei massimi fenomeni musicali e di spettacolo dagli anni '80 ad oggi. Un addio da parte di Michael Jackson a quella realtà fatta di palchi, premi e musica che è stata con lui più benevola della realtà stessa.

Forse non sarà così, forse lo vedremo ancora per molti anni in giro, anche se è difficile pensarlo dopo tutto ciò che è successo nell'ultima parte della sua carriera, ma una cosa è certa: presto qualche stadio dovrà ancora riempirsi, qualche fan impazzito dovrà ancora urlare e qualche lacrima dovrà ancora scendere.

Grazie a Paolo Bianchi

Condividi.