Luca Napolitano: Bello e possibile



 

Sembra difficile crederlo, ma nei pochi mesi che separano l’uscita del primo EP di Luca Napolitano dal nuovo album il cantante sembra essere maturato non poco. Non solo dal punto di vista musicale, ma soprattutto da quello umano. Appena terminata l’avventura di “Amici”, Luca sembrava più sfuggente, più irraggiungibile di quanto invece non sia ora. Certo, uscire da un reality e trovarsi nella realtà non è cosa facile e non serve di certo uno psicologo per capirlo, ma forse c’è anche una maggiore consapevolezza dei propri mezzi più che nella propria immagine.

Mi spiego: che sia un bel ragazzo non ci sono dubbi, ma con l’aspetto fisico duri l’arco di qualche mese. Il nuovo album, intitolato “L’infinito”, è sicuramente un prodotto che non deluderà i propri fan, ma che magari gli farà avere qualche ascoltatore in più per via dei pezzi di autori illustri di cui è pieno. Anticipato dal singolo che da il nome al lavoro, il disco contiene undici brani di impronta pop-rock nelle quali Luca mostra, come detto, una profonda maturazione come interprete puro e conferma di possedere anche notevoli doti autorali, firmando come paroliere alcuni brani autobiografici. L’artista sarà impegnato per gran parte dei primi mesi del nuovo anno con un tour in luoghi ancora da definire, ma che sicuramente riscuoterà enorme successo.

La scelta di non uscire con un secondo EP, come ultimamente avviene, è proprio legata all’aspetto live: Luca voleva dimostrare di saper scrivere pezzi di proprio pugno, oltre che ad essere un interprete. Cinque o sei tracce non sarebbero bastate a fare entrambe le cose ed inoltre avrebbe dovuto dedicare troppo tempo alle cover durante gli show. Insomma, il suo sogno continua.

Luca Garrò

Condividi.